ETD system

Electronic theses and dissertations repository

 

Tesi etd-06192012-131856


Thesis type
Tesi di laurea specialistica LC5
Author
NERI, DANIELE
URN
etd-06192012-131856
Title
Analisi storica, rilievo e riqualificazione del borgo di Montecastello
Struttura
INGEGNERIA
Corso di studi
INGEGNERIA EDILE - ARCHITETTURA
Commissione
relatore Prof. Bevilacqua, Marco Giorgio
relatore Prof.ssa Karwacka Codini, Ewa
Parole chiave
  • progetto di riqualificazione
  • Torrigiani Malaspina
  • Pontedera
  • cinta muraria
  • Franceschi Galletti
  • castello
  • medioevo
Data inizio appello
12/07/2012;
Consultabilità
parziale
Data di rilascio
12/07/2052
Riassunto analitico
Lo studio sviluppato per il progetto di tesi di laurea specialistica si divide in tre parti fondamentali: l’analisi storica dell’antico castello, l’analisi urbanistica dell’attuale paese, il rilievo e il progetto di riqualificazione del luogo.<br>Montecastello nasce come roccaforte militare all’inizio del XII secolo, sotto la giurisdizione del vescovo di Lucca. Trovandosi in un territorio di confine (la Valdera confinava infatti con i territori di Pisa, Lucca e Firenze) nel corso del tempo ha subito la dominazione delle tre città vicine. All’inizio del Quattrocento il castello è passato in mani fiorentine, perdendo completamente la funzione militare. Nel corso del Cinquecento vi si è stanziata l’importante famiglia pisana dei Franceschi Galletti, sostituita poi all’inizio dell’Ottocento dalla famiglia Torrigiani Malaspina, attuali proprietari della villa.<br>Lo studio storico è continuato analizzando gli strumenti urbanistici vigenti. Montecastello è collocato all’interno del subsistema della collina e non presenta particolari rischi geomorfologici o idrologici. L’UTOE di Montecastello è divisa in quattro zone omogenee: A (centro storico), B (residenziale denso), C (uso agricolo) ed E (usi di interesse generale). Sono poi stati studiati vari aspetti dell’assetto urbanistico del borgo attraverso la creazione di undici carte tematiche: quadro storico, altezza degli edifici, tipo di copertura, destinazioni d’uso, infrastrutture, percorsi, tipologie edilizie, sistemi costruttivi, stato di conservazione, elementi attrattori, valori e criticità.<br>La terza parte del lavoro è consistita nel rilievo geometrico di Montecastello. A livello di restituzione grafica (piante, prospetti e sezioni) l’attenzione è stata rivolta in particolare a due elementi caratterizzanti e importanti per la successiva definizione del progetto di riqualificazione: piazza Malaspina e piazza la Porta. A conclusione dello studio e come necessario punto di arrivo del grande lavoro conoscitivo compiuto, è stato redatto un progetto di riqualificazione urbana che consiste nella definizione di nuovi percorsi che ridonino vitalità e movimento all’antico castello. È stato pensato un flusso veicolare interno al centro storico controllato e limitato ai soli residenti, mentre i visitatori esterni possono sostare nell’ampio parcheggio pubblico per poi accedere pedonalmente al centro storico. Sono stati quindi definiti due diversi percorsi pedonali: uno trasversale, che dal parcheggio sale a livello di piazza Malaspina, la attraversa, sale verso la chiesa, ridiscende attraversando piazza la Porta, esce dalla porta del castello e termina nel giardino pubblico con belvedere; l’altro circolare che permette al visitatore di girare completamente il borgo sia esternamente che internamente. Sono state definite nel dettaglio le pavimentazioni (in basalto vietnamita tagliato e trattato superficialmente in modo differente a seconda della diversa funzione della superficie) e l’impianto di illuminazione (distinto in illuminazione a stelo alta, bassa e a terra).<br>
File