ETD system

Electronic theses and dissertations repository

 

Tesi etd-06162017-212738


Thesis type
Tesi di specializzazione (5 anni)
Author
VIGORITO, ANTONELLA
URN
etd-06162017-212738
Title
La rottura del tendine rotuleo nella protesi totale di ginocchio: ricostruzione con legamento sintetico LARS.
Struttura
RICERCA TRASLAZIONALE E DELLE NUOVE TECNOLOGIE IN MEDICINA E CHIRURGIA
Corso di studi
ORTOPEDIA E TRAUMATOLOGIA
Supervisors
relatore Prof. Scaglione, Michelangelo
Parole chiave
  • Complicanze della protesi
  • tendine patellare
  • extension lag
  • indice di Insall-Salvati
Data inizio appello
05/07/2017;
Consultabilità
Parziale
Data di rilascio
05/07/2020
Riassunto analitico
In Italia ogni anno vengono eseguiti oltre 60.000 interventi di protesizzazione di ginocchio ed il trend è in costante crescita sia per il progressivo invecchiamento della popolazione, sia per il miglioramento delle tecniche chirurgiche, dei materiali e dei design protesici. Ciò si accompagna, di pari passo, ad un aumento del numero di complicanze associate tra cui la rottura del tendine rotuleo che, con un'incidenza riportata tra lo 0,17 ed il 2,5% costituisce una rara ma temibile evenienza. Vengono descritte in letteratura differenti metodiche di trattamento che hanno mostrato risultati variabili. In questo studio riportiamo la nostra esperienza in proposito presentando 6 casi di rottura del tendine rotuleo in seguito ad impianto protesico di ginocchio.
Obiettivo del nostro studio è stato valutare gli outcome a breve-medio termine del trattamento con LARS® di lesioni del tendine patellare dopo impianto di protesi di ginocchio in pazienti trattati presso la nostra U.O. (Ortopedia 1° Universitaria AOU Pisana). Per la nostra analisi ci siamo serviti di valutazione clinica mediante Knee Society Score (KSS), valutazione radiografica e calcolo dell'indice di Insall-Salvati, e valutazione ecografica per la misura dello spessore del tendine rotuleo dopo ricostruzione con LARS®.
In accordo con quanto emerge dalla letteratura scientifica, la ricostruzione del tendine patellare con il suddetto legamento ha dato, nel nostro studio, risultati positivi in 4 casi su 6, mentre solo in due casi, riferibili alla stessa paziente, si sono registrati risultati scarsi.
É necessario tuttavia effettuare altri studi che producano evidenze più chiare e forti relativamente al ricorso a questo device per il trattamento delle lesioni croniche del tendine rotuleo, ciò sia per valutarne in modo più accurato i vantaggi sulle tecniche di riparazione tradizionali, sia per stimare l'eventuale comparsa di complicanze associate rilevabili solo nel lungo termine.
File