ETD system

Electronic theses and dissertations repository

 

Tesi etd-06152020-183301


Thesis type
Tesi di laurea magistrale
Author
RENDINI, LUCIA
URN
etd-06152020-183301
Title
Terapia nutrizionale nel diabete mellito di tipo 2: applicazione della VLCKD
Struttura
FARMACIA
Corso di studi
SCIENZE DELLA NUTRIZIONE UMANA
Supervisors
relatore Dott. Gravina, Giovanni
Parole chiave
  • diabete mellito di tipo 2
  • dieta chetogenica
  • VLCKD
Data inizio appello
08/07/2020;
Consultabilità
Secretata d'ufficio
Data di rilascio
08/07/2090
Riassunto analitico
Il diabete mellito di tipo 2 (DMT2) è una delle patologie a più alta prevalenza nella società occidentale e rappresenta un grave problema sanitario ed economico, anche in considerazione delle complicanze croniche ad esso correlate.
Secondo l'International Diabetes Federation sono 380 milioni le persone affette DMT2 nel mondo; in Italia riguarda circa 4 milioni di persone (6,7% dell’intera popolazione) e l’incidenza è in costante aumento, in rapporto ai rapidi cambiamenti nello stile di vita avvenuti nelle ultime decadi, con aumento dell’età media, maggiore urbanizzazione, minore attività fisica, pattern alimentari ricchi di cibi ipercalorici e ad alta densità energetica. In particolare l’obesità centrale e la conseguente insulino-resistenza rappresentano fattori determinanti principali per l’insorgenza del DMT2. La Terapia Medica Nutrizionale (TMN) rappresenta pertanto un cardine essenziale non solo nella prevenzione ma anche nel trattamento dei soggetti affetti da Diabete Mellito di tipo 2.
Nella tesi sono richiamate le principali evidenze e le attuali raccomandazioni della Comunità scientifica relative ai migliori approcci dietetici per questi pazienti, con particolare riferimento all’applicazione della VLCKD (Very Low-Calorie Ketogenic Diet) inizialmente utilizzata nel trattamento dell’obesità e più recentemente sperimentata anche nella cura del DMT2. Vengono illustrate e descritte le caratteristiche della VLCKD e i risultati ottenuti con l’utilizzo di questo approccio dietetico in alcuni soggetti affetti da DMT2 e obesità.
File