ETD system

Electronic theses and dissertations repository

 

Tesi etd-06132014-171407


Thesis type
Tesi di specializzazione (5 anni)
Author
BENEDETTI, GIOVANNI
email address
giovanni.benedetti@leonet.it
URN
etd-06132014-171407
Title
Evoluzione delle indicazioni alla TAVI: esperienza di sei anni
Struttura
PATOLOGIA CHIRURGICA, MEDICA, MOLECOLARE E DELL'AREA CRITICA
Corso di studi
MALATTIE DELL'APPARATO CARDIOVASCOLARE
Commissione
relatore Prof. Marzilli, Mario
correlatore Prof.ssa Petronio, Anna Sonia
Parole chiave
  • TAVI
  • Corevalve
  • stenosi aortica
Data inizio appello
03/07/2014;
Consultabilità
completa
Riassunto analitico
RIASSUNTO<br>INTRODUZIONE<br>L’impianto transcatetere di protesi valvolare aortica (TAVI) è correntemente indicato per pazienti sintomatici, con stenosi aortica calcifica di grado severo, ad alto o proibitivo rischio cardiochirurgico. Dal 2002 un’enorme mole di conoscenza è stata acquisita in merito alla selezione del paziente, alle tecniche d’impianto e al trattamento post-procedurale.<br>SCOPO DELLA TESI<br>Scopo dello studio è l’analisi della popolazione trattata con TAVI in un singolo centro, la sua evoluzione ed i risultati a breve e medio termine dalla procedura.<br>MATERIALI E METODI<br>Sono stati arruolati 295 pazienti consecutivi trattati con TAVI mediante protesi valvolare aortica Medtronic Corevalve. La popolazione è stata distinta in due gruppi: il gruppo A in cui sono stati inclusi 140 soggetti trattati dal 2007 al 2010 ed il gruppo B, 155 pazienti sottoposti a TAVI dal 2011 al 2014.<br>Sono stati valutati i risultati clinici procedurali, intraospedalieri, a 30 giorni ed a 1 anno.<br>RISULTATI<br>I due gruppi presentano dati basali sovrapponibili: gruppo A con Logistic Euroscore 20,2% ± 11.1% e gruppo B con Logistic Euroscore 19,6% ± 14,4%.<br>Nel gruppo A l’età media è 82.2 anni ± 6.0 e nel gruppo B è 82.4 anni ± 4.9; sono maschi il 45% di pazienti del gruppo A ed il 48,4% nel gruppo B.<br>I pazienti del gruppo B presentano un tasso significativamente più basso di emorragie maggiori ( 3,9% vs 17,9%, p &lt; 0,005) di insufficienza aortica ≥ 2+ (26,2% vs 16%, p 0,038) e di mortalità ospedaliera (1,9% vs 9,3%, p&lt;0.005).<br>Inoltre i pazienti trattati dopo il 2011 mostrano una sopravvivenza 30 giorni significativamente inferiore (4,5% vs 11,4%, p=0.032) ed un trend di riduzione della mortalità per tutte le cause anche ad 1 anno (14,8% vs 21,4%, p=0.141).<br>CONCLUSIONI<br>L’esperienza del Centro, le innovazioni nelle tecniche e nei dispositivi utilizzati, unite ad una graduale estensione della TAVI a pazienti a rischio chirurgico meno elevato, possono spiegare l’importante miglioramento dei risultati clinici osservato negli ultimi 3 anni.<br>
File