ETD system

Electronic theses and dissertations repository

 

Tesi etd-05282015-183139


Thesis type
Tesi di specializzazione (5 anni)
Author
GUIDA, MELANIA
URN
etd-05282015-183139
Title
Cognizione sociale in epilessia: uno studio del dominio Theory of Mind nell'Epilessia Mioclonica Giovanile
Struttura
MEDICINA CLINICA E SPERIMENTALE
Corso di studi
NEUROLOGIA
Commissione
relatore Prof. Bonuccelli, Ubaldo
relatore Dott. Giorgi, Filippo Sean
Parole chiave
  • Epilessia mioclonica giovanile
  • cognizione sociale
  • epilessia
  • test neuropsicologici
  • Teoria della mente
Data inizio appello
15/06/2015;
Consultabilità
parziale
Data di rilascio
15/06/2018
Riassunto analitico
L&#39;epilessia mioclonica giovanile (JME) è una delle più frequenti sindromi epilettiche generalizzate genetiche. Nonostante sia considerata una sindrome “benigna”, recenti studi hanno dimostrato la presenza di deficit cognitivi lievi e alterazioni comportamentali, correlabili con disfunzioni a carico dei lobi frontali, nei pazienti con JME. Inoltre, questa sindrome si associa spesso a un outcome sociale insoddisfacente. <br>Nessuno studio ha finora indagato in questi pazienti la Teoria della Mente (ToM), che è l’abilità di definire gli stati mentali propri ed altrui per interpretare i comportamenti e guidare la condotta sociale e sembra coinvolgere i lobi frontali. <br>Scopo di questo studio è quello di valutare la performance ToM dei pazienti con JME, esaminando eventuali correlazioni con alcuni parametri clinici e con le funzioni esecutive. <br>Venti pazienti con JME e venti controlli sani sono stati sottoposti a valutazione cognitiva con Test di Attribuzione delle Emozioni (EAT), Strange Stories Task (SST), Faux Pas Task (FPT), Reading the Mind in the Eyes Task e Test delle Situazioni Sociali, oltre che con test neuropsicologici per la valutazione di funzioni esecutive, memoria verbale e visuo-spaziale, abilità visuo-spaziali e fluenze verbali. <br>I due gruppi sono risultati omogenei per età, scolarità e QI. La differenza tra le performance di pazienti e controlli è risultata statisticamente significativa per il riconoscimento della rabbia in EAT, SST, FPT e in alcuni test per le funzioni esecutive, la memoria verbale e visuo-spaziale e la fluenza verbale. <br>Il deficit della ToM evidenziato in questi pazienti potrebbe essere correlato a una disfunzione dei lobi frontali, in accordo con i recenti dati di neuroimaging nella JME. Potrebbe, inoltre, spiegare almeno in parte l’outcome sociale spesso insoddisfacente di questi soggetti. <br><br>
File