ETD system

Electronic theses and dissertations repository

 

Tesi etd-05212014-104538


Thesis type
Tesi di laurea vecchio ordinamento
Author
DIARI, DENISE
URN
etd-05212014-104538
Title
Verifica di un'ipotesi storica su base genetico-popolazionistica: la deportazione dei Liguri Apuani.
Struttura
BIOLOGIA
Corso di studi
SCIENZE BIOLOGICHE
Commissione
relatore Dott. Tofanelli, Sergio
Parole chiave
  • Nessuna parola chiave trovata
Data inizio appello
09/06/2014;
Consultabilità
completa
Riassunto analitico
In questa tesi si affronta la tematica della continuità genetica tra le comunità delle valli del Nord-Ovest della Toscana (Area Apuana) e le comunità dell’Alto Sannio con le antiche tribù dei Ligures Apuani.<br>Nonostante Titus Livius (Storia Romana XXXVIII) parli della deportazione nell’ Ager Taurasinum (Alto Sannio) di circa 47000 Ligures Apuani ad opera dei Romani nel II secolo a.C., evidenze storico-archeologiche (statue stele di tipo C) e linguistiche (la fonetica cacuminale e la presenza di toponimi pre-romani) suggeriscono una continuità tra le popolazioni che attualmente abitano le valli interne delle Apuane e le popolazioni che si stabilirono in questa zona in epoca pre-romana. <br>L&#39;ipotesi storica è stata testata attraverso la caratterizzazione genetica di marcatori uni-lineari in un campione di donatori non imparentati di 4 comunità Apuane (Vagli, Terrinca, Arni, Pruno, N=50) e una comunità Alto-sannitica (Circello, N=27).<br>Il DNA estratto da cellule buccali è stato sequenziato con il metodo cycle-sequencing (BigDye Terminator v1.1 Cycle Sequencing, Applied Biosystems) per la regione ipervariabile I (HVSI) e per parte della regione ipervariabile II (HVSII) del genoma mitocondriale (siti da 15564 a 429). Le sequenze nucleotidiche sono state allineate e confrontate con la sequenza di riferimento (Revised Cambridge Reference Sequence) per assegnare l’aplotipo sulla base delle varianti polimorfiche. Parallelamente, è stata condotta un&#39;analisi dei marcatori SNP presenti nella regione codificante con il metodo SNaPshot (SNaPshot Multiplex Kit, Applied Biosystems). Gli aplotipi HVS e SNP combinati sono stati assegnati all’aplogruppo di appartenenza e le distribuzioni aplotipiche analizzate attraverso il confronto con un database mitocondriale di 78,590 individui.<br>I pattern di variabilità osservati a livello mitocondriale per entrambe le regioni investigate sono stati analizzati a livello continentale e regionale, utilizzando come confronto il pattern osservato per i polimorfismi della regione non ricombinante del cromosoma Y (MSY). Per verificare l’ipotesi della continuità genetica si è calcolato l’arricchimento, in campioni apuani e alto-sanniti rispetto a popolazioni di riferimento, di aplotipi mitocondriali compatibili con un isolamento riproduttivo a partire dal 180 a.C. I risultati dimostrano che tale arricchimento è osservabile ma molto più evidente a livello delle linee a trasmissione patri-lineare (MSY). Ciò indica che un isolamento genetico e culturale, anche lieve, può ancora conservare tracce del substrato genetico caratteristico delle popolazioni dell&#39;Italia pre-Romana.<br>
File