ETD system

Electronic theses and dissertations repository

 

Tesi etd-05182017-231700


Thesis type
Tesi di laurea magistrale
Author
BERTINI, CHIARA
URN
etd-05182017-231700
Title
L'implementazione del modello organizzativo 231. Il caso Sammontana
Struttura
ECONOMIA E MANAGEMENT
Corso di studi
STRATEGIA, MANAGEMENT E CONTROLLO
Commissione
relatore Prof.ssa Rigolini, Alessandra
Parole chiave
  • d.lgs. 231/2001
  • responsabilità amministrativa
  • rischio reato
  • modello organizzativo
  • organismo di vigilanza
Data inizio appello
12/06/2017;
Consultabilità
completa
Riassunto analitico
Il d.lgs. 231/2001 ha introdotto per la prima volta nel nostro ordinamento giuridico il concetto di responsabilità amministrativa dell’impresa in seguito a reati commessi, nell’interesse o a vantaggio dell’ente stesso, da soggetti che si trovano in posizione apicale o da soggetti sottoposti alla direzione e alla vigilanza di questi ultimi. Tale responsabilità espone l’azienda a sanzioni di tipo pecuniario e nei casi più gravi anche interdittive, con conseguenze negative non solo in termini economici e patrimoniali, ma anche dal punto di vista dell’immagine aziendale.<br>Il legislatore ha comunque previsto la possibilità per l’ente di non incorrere in detta responsabilità a condizione che questo abbia adottato ed efficacemente attuato un modello organizzativo idoneo a prevenire i reati, abbia affidato il compito di vigilare sul funzionamento e l’osservanza del modello, nonché il suo aggiornamento, ad un organismo di controllo (il c.d. Organismo di Vigilanza) e che tale modello sia stato eluso in modo fraudolento.<br>Dopo aver passato in rassegna gli aspetti fondamentali del dettato normativo ed aver ripercorso le fasi necessarie per l’implementazione di un modello di organizzazione, gestione e controllo ai sensi del d.lgs. 231/2001, viene presentato il caso di una grande realtà aziendale italiana che si è dotata di tale modello, la Sammontana S.p.A.<br>
File