logo SBA

ETD

Digital archive of theses discussed at the University of Pisa

 

Thesis etd-05152010-175018


Thesis type
Tesi di dottorato di ricerca
Author
BRACALENTE, STEFANO
URN
etd-05152010-175018
Thesis title
Il volo dell’artista: Osvaldo Licini e il Futurismo da «Lacerba» all’immaginario aeropittorico
Academic discipline
L-ART/03
Course of study
STORIA DELLE ARTI VISIVE E DELLO SPETTACOLO
Supervisors
tutor Prof. Tosi, Alessandro
Keywords
  • aeropittura
  • archipitture
  • astrattismo
  • futurismo
  • immaginario aeropittorico
  • Lacerba
  • movimento primordiale futurista
  • olandesi volanti
  • Osvaldo Licini
  • razionalismo
  • secondo futurismo
  • splendore geometrico futurista
  • volo
Graduation session start date
28/06/2010
Availability
Partial
Release date
28/06/2050
Summary
Lo studio ricostruisce i rapporti di Osvaldo Licini con il futurismo secondo il criterio della molteplicità di luoghi, tempi, personaggi, temi e ambiti di ricerca che hanno caratterizzato la storia del movimento dal 1909 al 1944. Quel criterio, infatti, è ancora disatteso nel caso specifico di Osvaldo Licini, la cui dimensione futurista è stata oggetto di una minimizzazione ostativa alla comprensione stessa della sua pittura astratta. Da «Lacerba» all’immaginario aeropittorico, l’imprinting futurista appare ben più importante di quanto finora riconosciuto. Tra le tante stagioni di Licini, esiste infatti una continuità data proprio dalla riflessione ininterrotta sul futurismo e il grande tema del volo. La svolta astratta dei primi anni trenta è dunque documentata alla luce dell'immaginario aereo diffuso allora dal futurismo mentre le Archipitture, impropriamente indicate come costruttiviste, sono ricondotte allo splendore geometrico futurista e al razionalismo architettonico; l’elaborazione dei primi Olandesi volanti, infine, è indagata nel contesto culturale del movimento primordiale-futurista, qui approfondito grazie a nuove evidenze documentarie, provenienti dall’archivio Franco Ciliberti di Como. Ulteriori documenti inediti, inerenti al già noto legame affettivo con i fratelli Catalini di Grottazzolina, hanno permesso inoltre di chiarire i tempi e lo svolgersi della crisi che condusse Licini all’arte astratta.
File