ETD system

Electronic theses and dissertations repository

 

Tesi etd-05112010-100812


Thesis type
Tesi di laurea specialistica LC5
Author
DAVIDOVICH, NADAV
URN
etd-05112010-100812
Title
Effetti del concentrato proteico di soia (SPC) sulle performance produttive della Spigola (Dicentrarchus labrax)
Struttura
MEDICINA VETERINARIA
Corso di studi
MEDICINA VETERINARIA
Commissione
relatore Dott. Fronte, Baldassare
correlatore Prof. Gatta, Domenico
controrelatore Dott. Marzoni Fecia di Cossato, Margherita
Parole chiave
  • proteine alternative in acquacoltura
  • nutrizione
  • farina di pesce
  • Dicentrarchus labrax
  • concentrato proteico di soia (SPC)
Data inizio appello
11/06/2010;
Consultabilità
parziale
Data di rilascio
11/06/2050
Riassunto analitico
Obiettivo del presente lavoro è stato quello di verificare gli effetti della sostituzione della farina di pesce con concentrato proteico di soia nelle diete per branzini (Dicentrarchus labrax) in accrescimento. A questo scopo sono state esaminate le performance di crescita, l&#39;indice di conversione alimentare, la morbilità, la mortalità e i fattori ambientali (condizionamento).<br>Quattro diete isoproteiche (46%), contenenti proteine di origine animale (soprattutto farina di pesce) e proteine di origine vegetale, sono state confrontate. La dieta di controllo che non conteneva concentrato proteico di soia (A) è stata confrontata con altre tre diete sperimentali che ne contenevano rispettivamente il 25,5% (B), 31,7% (C) e 35% (D). <br>La prova sperimentale, durata 7 mesi, è stata condotta su 300 spigole di peso corporeo medio iniziale di 29 g; i soggetti, sono stati distribuiti casualmente in 12 vasche (220 litri) in vetroresina in numero di 25 per vasca. Il mangime è stato distribuito una volta al giorno, manualmente. <br>I pesci sono stati pesati mensilmente e la razione giornaliera è stata calcolata per tutti i gruppi nella misura del 2% del peso vivo medio rilevato.<br>In linea di tendenza, performance di crescita, indice di conversione alimentare e morfometrie sono risultate migliori per il gruppo D (35% di concentrato proteico di soia) rispetto agli altri gruppi, sebbene tali differenze non sono risultate significative. Probabilmente, una numerosità maggiore avrebbe potuto rendere più evidenti tali differenze. <br>In ogni caso, i risultati dello studio sembrano indicare pertanto che il concentrato proteico di soia può sostituire fino al 35% della quota proteica nella dieta della spigola (pesce carnivoro), senza far registrare alcun peggioramento delle performance produttive.
File