ETD system

Electronic theses and dissertations repository

 

Tesi etd-05102012-113527


Thesis type
Tesi di laurea specialistica LC5
Author
TASSANO, FEDERICA
URN
etd-05102012-113527
Title
Confronto tra parecoxib e robenacoxib per il trattamento del dolore postoperatorio nel cane
Struttura
MEDICINA VETERINARIA
Corso di studi
MEDICINA VETERINARIA
Commissione
controrelatore Dott. Giorgi, Mario
correlatore Dott.ssa Briganti, Angela
relatore Prof.ssa Breghi, Gloria
Parole chiave
  • cani
  • ovariectomia laparoscopica
  • dolore postoperatorio
  • robenacoxib
  • parecoxib
Data inizio appello
08/06/2012;
Consultabilità
completa
Riassunto analitico
Premessa: l’obiettivo di questo studio è stato quello di valutare l’efficacia e la tollerabilità del parecoxib (Dynastat®), un inibitore altamente selettivo della COX-2 (per uso umano), per il trattamento del dolore postoperatorio nei cani.<br>Materiali e metodi: il parecoxib è stato comparato al robenacoxib (Onsior®), un COXIB per uso veterinario, in uno studio clinico prospettivo, randomizzato e in doppio cieco. Sono stati inclusi nello studio 21 cani sottoposti ad ovariectomia laparoscopica suddivisi in 3 gruppi, in modo casuale, per ricevere rispettivamente singole dosi di parecoxib (2 mg/kg, n=7) GPX, robenacoxib (2 mg/kg, n=7) GRX o morfina (0,3 mg/kg, n=7) GMORF (gruppo di controllo positivo), per via intramuscolare, 5 minuti prima dell’induzione dell’anestesia. Il dolore post-operatorio è stato valutato ogni ora fino alle 24h successive al risveglio mediante l’uso della Glasgow short form pain scale. In caso di punteggio superiore a 6 era prevista una rescue analgesia con morfina ad un dosaggio di 0,3 mg/kg.<br>Risultati: il valore medio massimo registrato nel punteggio del dolore è stato di 3 nel GPX, di 5 nel GRX e di 3 nel GMORF. Nel GMORF il dosaggio medio di morfina nel periodo postoperatorio è stato di 0,9 mg/kg nelle 24h. Nessuno dei cani del GPX e del GRX ha richiesto una rescue analgesia nel postoperatorio. In tutti i gruppi è stato osservato un 25-50% di nausea e scialorrea.<br>Conclusioni: nel postoperatorio sia il robenacoxib che il parecoxib hanno assicurato una buona efficacia analgesica nelle 24h. Gli effetti collaterali registrati hanno avuto un’incidenza simile nei tre gruppi; infatti la nausea e il vomito sono riportati come effetti collaterali della chirurgia laparoscopica
File