ETD system

Electronic theses and dissertations repository

 

Tesi etd-05082015-130609


Thesis type
Tesi di specializzazione (5 anni)
Author
PALLINI, MARTINA
URN
etd-05082015-130609
Title
Protocollo di studio prospettico osservazionale dell'anestesia loco-regionale ecoguidata nella chirurgia del piede diabetico
Struttura
PATOLOGIA CHIRURGICA, MEDICA, MOLECOLARE E DELL'AREA CRITICA
Corso di studi
ANESTESIA, RIANIMAZIONE E TERAPIA INTENSIVA
Commissione
relatore Leoni, Chiara
relatore Prof. Giunta, Francesco
Parole chiave
  • ALR
  • ecoguida
  • ENS
Data inizio appello
03/06/2015;
Consultabilità
completa
Riassunto analitico
L’ anestesia loco-regionale, nello specifico il blocco periferico del nervo sciatico al poplite, in pazienti diabetici affetti da PNPSD, effettuata con il doppio approccio elettrostimolazione-ecoguida, mediante l’utilizzo di anestetico locale, è risultata efficacie sia in termini di ripresa funzionale dell’arto inferiore sottoposto a chirurgia, sia sul piano analgesico. Infatti la completa ripresa della sensibilità e della motilità è avvenuta entro le sei ore dall’anestesia loco-regionale; la scala VAS=0 misurata intra-operatoriamente e nel post-operatorio è indice dell’effettiva riuscita del blocco nervoso.<br>La procedura è risultata inoltre sicura, in assenza di complicanze, eventi avversi ed alterazioni significative riguardanti la funzionalità e la morfometria nervosa. Non si sono riscontrati né blocchi sensitivi o motori prolungati, a dimostrazione di una posologia adeguata dell’anestetico locale utilizzato; né presenza di parestesie nelle prime sei ore del post-operatorio e neanche durante le tre settimane intercorse tra l’intervento chirurgico ed il primo controllo del follw-up.<br>Dalla registrazione delle terapie domiciliari si evince che tutti i pazienti assumono antiaggreganti, anticoagulanti o doppia antiaggregazione; fattore importante nella scelta del tipo di anestesia da effettuare o meglio sulla predilezione dell’anestesia loco-regionale periferica su un blocco centrale.<br>Dall’analisi dei dati non risulta essere nessuna differenza statisticamente significativa tra le variabili (VCN, soglia di stimolazione, ampiezza del potenziale d’azione, area delle strutture nervose) esaminate nel pre-operatorio e i corrispettivi controlli nel posto-operatorio. I dati ricavati dalle misurazioni effettuate, variabili continue non parametriche, analizzati con il test di Wilcoxon, hanno mostrato un livello di significatività maggiore del limite fissato al 5%.<br>
File