ETD system

Electronic theses and dissertations repository

 

Tesi etd-05032013-190219


Thesis type
Tesi di dottorato di ricerca
Author
CIRILLO, ANTONELLA
URN
etd-05032013-190219
Title
Parole in "comune". Il linguaggio della pubblica amministrazione italiana tra conservazione e innovazione
Settore scientifico disciplinare
SPS/08
Corso di studi
STORIA E SOCIOLOGIA DELLA MODERNITA'
Commissione
tutor Prof. Salvini, Andrea
Parole chiave
  • linguaggio amministrativo
  • innovazione amministrativa
  • formazione
  • competenza sociolinguistica
  • autoreferenzialità burocratica
  • partecipazione e cittadinanza
Data inizio appello
10/06/2013;
Consultabilità
completa
Riassunto analitico
Le riforme in materia di comunicazione pubblica e di semplificazione del linguaggio amministrativo intraprese nel nostro Paese a partire dagli anni Novanta non hanno condotto ai risultati auspicati nell’ottica della modernizzazione del sistema amministrativo e della partecipazione attiva e consapevole della cittadinanza ai processi comunicativi d’interesse generale. Lo testimoniano indagini quantitative realizzate sullo stato di attuazione di tali riforme nelle diverse realtà amministrative nazionali e lo conferma l&#39;esperienza diretta del cittadino-utente-cliente quotidianamente alle prese con l&#39;arduo compito della comprensione dei testi prodotti dalla pubblica amministrazione.Termini desueti e inutilmente astratti e specialistici, costruzioni sintattiche complesse e tortuose, scarsa attenzione per la progettazione testuale e per l’organizzazione logica delle informazioni, eccessiva formalità e pedissequa dipendenza del linguaggio amministrativo dal linguaggio delle leggi, ambiguità espressive, carenze ed eccedenze informative sono tutti fattori linguistici e comunicativi che – come hanno messo opportunamente in risalto studi linguistici e sociolinguistici condotti negli ultimi decenni – ostacolano la comprensione effettiva e diffusa dei testi pubblici.<br>Lo studio condotto, concentrandosi su uno specifico case study, intende analizzare in profondità – mediante il ricorso alle tecniche della ricerca qualitativa ed etnografica – gli ostacoli che il percorso di innovazione linguistica e dunque comunicativa incontra nella realtà amministrativa complessivamente considerata: nelle sue dimensioni strutturali e culturali. <br>L’analisi testuale di un campione significativo di documenti prodotti dal Comune di Pisa, e riscritti in appositi gruppi di lavoro, e il confronto che è stato possibile realizzare nelle sedi formative e più sistematicamente durante le attività di ricerca con gli autori dei testi amministrativi ha consentito di rilevare una serie di resistenze “burocratiche” al mutamento linguistico e dunque organizzativo, istituzionale e sociale: alcune riferibili al carattere, per certi versi, inevitabilmente formale, impersonale, autoreferenziale, specialistico e irriducibilmente complesso dell’“agire linguistico” amministrativo,riflesso del potere burocratico e dei moderni processi di differenziazione e di specializzazione funzionale alla base del sistema amministrativo; altre invece riconducibili al radicamento negli uffici di un senso di assoluto e incondizionato ossequio al “dovere d’ufficio”, alla disciplina, al culto della regola e a certi rituali burocratici, nonché all&#39;attivazione di meccanismi difensivi e di autotutela nella pubblica amministrazione &#34;relazionale&#34; e &#34;dialogica&#34;, che ostacolano lo sviluppo di atteggiamenti e comportamenti comunicativi alternativi, maggiormente professionali ed eticamente orientati al destinatario; che siano pertanto costitutivi ed espressione di una reale cultura del servizio pubblico.<br>Dai risultati della ricerca emerge in generale una pubblica amministrazione protesa tra esigenze di stabilità e legittimazione istituzionale da una parte e esigenze di democraticità e legittimazione sociale dall’altra, tra “razionalità formale” e “razionalità sostanziale”, conservazione e innovazione, tradizione e modernità.<br>
File