logo SBA

ETD

Digital archive of theses discussed at the University of Pisa

 

Thesis etd-05012023-100051


Thesis type
Tesi di laurea magistrale LM5
Author
BARILE, CHIARA
URN
etd-05012023-100051
Thesis title
La vulnerabilità di genere tra esigenze di protezione, strumenti cautelari a tutela della vittima e la scoperta di nuovi protagonismi.
Department
GIURISPRUDENZA
Course of study
GIURISPRUDENZA
Supervisors
relatore Prof. Marzaduri, Enrico
Keywords
  • centri antiviolenza
  • misure precautelari
  • vulnerabilità
  • violenza di genere
  • persona offesa
  • vittima
  • misure cautelari personali
Graduation session start date
22/05/2023
Availability
None
Summary
L’elaborato si apre esaminando il ruolo che la persona offesa assume all’interno del procedimento penale. Dopo aver compiuto una rapida evoluzione storica, l’attenzione si concentra sulla disciplina dedicata alla persona offesa nel codice di procedura tutt’ora vigente e sugli strumenti internazionali a essa dedicati, con l’obiettivo di rispondere a un interrogativo di non facile risoluzione: qual è il ruolo da attribuire alla persona offesa all’interno della dinamica procedimentale? Abbiamo realmente assistito a una rivoluzione copernicana in tema di rivalutazione dell’offeso, o quest’ultimo è rimasto, nella pratica, un mero postulante senza diritti? Dal generale si va al particolare, dacché vera protagonista dell’elaborato appare, fin da subito, una particolare sottocategoria di vittima vulnerabile: la vittima di violenza di genere. L’elaborato si pone l’obiettivo di mettere al vaglio gli strumenti protettivi predisposti a tutela della donna vittima di violenza, prescindano essi dall’avvio di un percorso giudiziario o lo abbiano come presupposto; oggetto di analisi, è il costante bilanciamento che deve essere operato tra i diritti dell’imputato e le garanzie della vittima, soprattutto nell’ottica di garantire a quest’ultima un adeguato standard di protezione al fine di rifuggire episodi di vittimizzazione secondaria. Dopo aver doverosamente analizzato, in maniera compiuta, le misure di cui agli artt. 282-bis, 282-ter, 384-bis c.p.p., l’attenzione si sposta sull’universo dei Centri Antiviolenza e sul lavoro da questi compiuto nel percorso della donna di affrancamento dalla violenza e della riconquista della sua capacità di autodeterminarsi.
File