ETD system

Electronic theses and dissertations repository

 

Tesi etd-04152008-205931


Thesis type
Tesi di laurea vecchio ordinamento
Author
GRANDINI, PIERLUIGI
URN
etd-04152008-205931
Title
Risposta Fototattica alla radiazione U.V. del protozoo Ophryoglena flava
Struttura
SCIENZE MATEMATICHE, FISICHE E NATURALI
Corso di studi
SCIENZE BIOLOGICHE
Commissione
Relatore Dott. Checcucci, Giovanni
Relatore Dott. Ghetti, Francesco
Parole chiave
  • fotomovimento
Data inizio appello
28/04/2008;
Consultabilità
completa
Riassunto analitico
Candidato: GRANDINI Pierluigi<br>n°. di matricola: 195645<br>Domicilio: via Francesco Lemmi n° 13 – Fr. Poggio di G - Camporgiano – Lucca.<br>Recapito telefonico: 3479230335<br>Istituzione presso cui è stata svolta la tesi: Istituto di Biofisica, Area della Ricerca C.N.R., via G. Moruzzi, 1 - 56124 PISA Tel. Segr. 050/315.3040.<br>Relatori: dott. Francesco GHETTI, dott. Giovanni CHECCUCCI,<br>Argomento di ricerca: Fotobiologia<br><br>Titolo: “Risposta fototattica alla radiazione UV del protozoo ciliato Oprhyoglena flava”<br><br>Molti protisti sono capaci di percepire variazioni spaziali e temporali della radiazione ambientale e di usarle come fonte di informazione per modificare opportunamente il loro comportamento motorio e posizionarsi nel proprio habitat nel modo più favorevole per il metabolismo e la sopravvivenza.<br>Molti studi sono stati effettuati su microalghe e protozoi ciliati per quantificare le loro risposte fotomotorie in termini di risposta spettrale alla radiazione visibile, cioè con lo scopo di determinarne lo spettro d’azione. Poiché negli ultimi decenni, a causa dell’assottigliamento dello strato d’ozono stratosferico, si è assistito ad un incremento sulla superficie terrestre (e quindi anche negli ambienti acquatici superficiali) della radiazione ultravioletta, che è potenzialmente dannosa per molte molecole biologiche e strutture cellulari, è interessante dal punto di vista ecologico estendere gli studi spettrali non solo nella radiazione UV-A (315-400 nm) ma anche nell’UV-B (280-315 nm).<br>In questo lavoro di tesi sono stati analizzati i risultati di esperimenti sul protozoo ciliato Ophryglena flava, la cui capacità fototattica era già stata studiata in precedenza, determinandone uno spettro d’azione nello spettro visibile.<br>Le misure analizzate in questo lavoro di tesi erano state effettuate all’Okazaki Large Spectrograph presso il National Institute of Basic Biology (Okazaki, Giappone), esponendo i microorganismi a intensità crescenti di radiazione UV a lunghezze d’onda fra 280 e 400 nm, con intervalli di 10 nm, e videoregistrando l’attività motoria per alcuni secondi dall’inizio dell’irraggiamento.<br>Poiché l’analisi automatica dei filmati così ottenuti non sembrava attendibile, le videoregistrazioni sono state scomposte in serie di immagini statiche successive e analizzate in sequenza per una corretta ricostruzione delle traiettorie del moto cellulare e quindi ottenere i vettori che rappresentino lo spostamento di ciascun microrganismo dall’inizio dell’irraggiamento alla fine del periodo di osservazione. Questi insiemi di vettori spostamento sono stati analizzati allo scopo di ottenere curve dose-effetto, per ogni intensità di radiazione ed ogni lunghezza d’onda, e quindi determinare uno spettro d’azione.<br>
File