ETD system

Electronic theses and dissertations repository

 

Tesi etd-04122011-130526


Thesis type
Tesi di laurea specialistica LC6
Author
GANGAROSSA, GABRIELE
URN
etd-04122011-130526
Title
Risonanza magnetica a 7 Tesla: Stato dell'arte e prospettive
Struttura
MEDICINA E CHIRURGIA
Corso di studi
MEDICINA E CHIRURGIA
Commissione
relatore Prof. Caramella, Davide
Parole chiave
  • rmn
  • 7 tesla
  • uhf mri
Data inizio appello
17/05/2011;
Consultabilità
parziale
Data di rilascio
17/05/2051
Riassunto analitico
Obiettivi<br>Il lavoro di questa tesi è basato sulla ricerca, l’analisi e la valutazione statistica e razionale della<br>letteratura scientifica inerente l’uso, le applicazioni e le problematiche della risonanza magnetica a 7<br>Tesla. Lo scopo della tesi è evidenziare le potenzialità cliniche e di ricerca dello scanner RM a campo<br>ultra alto.<br>Materiali e Metodi<br>Come strumento di ricerca per reperire i dati ho utilizzato Pubmed. (US National Library<br>of Medicine, National Institutes of Health, http://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/).<br>Nella ricerca bibliografica ho considerato sia gli studi applicativi condotti su pazienti (tot. 182) che su<br>animali (tot. 43), sia gli studi di carattere tecnico e ingegneristico inerenti da una parte l’ottimizzazione<br>delle sequenze e dall’altra lo sviluppo e la messa a punto delle bobine RF (Coils &amp; Sequences tot. 34)<br>Il materiale trovato, 225 studi pubblicati dal 1995 al Maggio 2011, è stato suddiviso per autore, centro<br>di ricerca e sede, anno e in categorie tenendo conto dell’ area tematica e applicativa degli studi.<br>Sono state ottenute statistiche inerenti la distribuzione per anno dal 1995 al 2011, la distribuzione<br>geografica degli studi e la distribuzione per area applicativa.<br>Risultati<br>Sono stati presi in considerazione le applicazioni cliniche dello scanner RM a 7T nei campi del<br>Neuroimaging, f-MRI, MRSI, angio-MRI, Molecular Imaging, Neurochirurgia.<br>Sono state evidenziate le potenzialità e le problematiche riguardo la gestione delle sequenze, la<br>produzione di artefatti e la sicurezza dello scanner a 7T.<br>Conclusioni<br>L&#39;avvento imminente del campo magnetico Ultra Alto nella routine clinica sembra mantenere le proprie<br>promesse soprattutto nello studio dell&#39; encefalo (immagini ad altissima definizione delle strutture<br>sottocorticali, alto segnale in f-MRI, risoluzione spettrale elevata in MRS, visualizzazione<br>vascolarizzazione cerebrale senza mdc.) e apre ai ricercatori nuove prospettive di utilizzo in oncologia<br>attraverso l&#39;uso di marcatori specifici per molecole biologiche e fattori di crescita (Molecular Imagng).<br><br><br>
File