ETD system

Electronic theses and dissertations repository

 

Tesi etd-04112017-124853


Thesis type
Tesi di laurea magistrale
Author
BOGGI, GUIDO
URN
etd-04112017-124853
Title
VALUTAZIONE DELLA VULNERABILITA' SISMICA DEL COMPLESSO SCOLASTICO ARNOLFO DI CAMBIO DI COLLE VAL D'ELSA E CONSEGUENTE ADEGUAMENTO SISMICO.
Struttura
INGEGNERIA CIVILE E INDUSTRIALE
Corso di studi
INGEGNERIA EDILE E DELLE COSTRUZIONI CIVILI
Commissione
relatore Prof. Sassu, Mauro
correlatore Ing. Cinotti, Marco
Parole chiave
  • Vulnerabilità sismica
  • consolidamento
  • adeguamento sismico
Data inizio appello
09/05/2017;
Consultabilità
completa
Riassunto analitico
Il presente lavoro di tesi si propone come studio della valutazione del comportamento di una parte del complesso scolastico &#34;Arnolfo di Cambio&#34; , sito in Colla Val d&#39;Elsa (SI).<br>In particolare è stato indagato il comportamento degli elementi resistenti a far fronte alle azioni previste dalle &#34;Normative Tecniche delle Costruzioni&#34; di cui al D.M. 14/01/2008.<br>Lo scopo è stato quello di adeguare sismicamente il fabbricato in questione, per cui le fasi di studio in si articola la tesi sono sostanzialmente due:<br>1. Valutazione della vulnerabilità sismica dell&#39;edificio esistente<br>2. Progettazione degli interventi di adeguamento<br>La struttura è stata modellata per mezzo dell&#39;utilizzo del software Aedes PCM, che mediante il metodo SAM consente di simulare il comportamento del fabbricato, sia a livello locale che globale, implementando le non linearità di tipo geometrico e del materiale.<br>In particolare l&#39;analisi della vulnerabilità dell&#39;edificio ha messo in evidenza un&#39;adeguata risposta a livello globale, senza sostanziali differenze prodotte dalla variazione della rigidezza dei solai.<br>In particolare sono state eseguite diverse analisi modellando gli orizzontamenti e le fasce di piano ogni volta mediante rigidezze e schemi diversi.<br>Tuttavia è stata messa in evidenza un&#39;insufficiente resistenza a livello locale di alcuni elementi murari, nei confronti di azioni fuori piano, quali quelle della pressoflessione ortogonale convenzionale, oltre ad una scarsa resistenza nei confronti dei meccanismi cinematici di alcuni maschi murari.<br>La necessità di adeguare localmente la struttura, ha portato ad ipotizzare l&#39;impiego di materiale composito, nella fattispecie di materiali fibrorinforzati a matrice polimerica (FRP) sottoforma di fasce di larghezza assegnata, che soddisfacessero le richieste attese dalle verifiche.<br>La progettazione degli interventi e le verifiche condotte, tenendo conto degli effetti che questi producono sugli elementi strutturali interessati, è tale da rendere il fabbricato adeguato sismicamente.<br><br>
Note
La tesi in oggetto non è stata inserita correttamente nel data base dall’autore. L’autore stesso ed i relatori sono stati avvertiti di tale omissione.
File