ETD system

Electronic theses and dissertations repository

 

Tesi etd-04062014-161407


Thesis type
Tesi di laurea specialistica
Author
PAGNI, SILVIA
URN
etd-04062014-161407
Title
Clima e benessere organizzativo: opportunita e limiti nella gestione del personale
Struttura
ECONOMIA E MANAGEMENT
Corso di studi
STRATEGIE E GOVERNO DELL'AZIENDA
Supervisors
relatore Prof. Bonti, Mariacristina
Parole chiave
  • clima organizzativo
  • benessere organizzativo
Data inizio appello
30/04/2014;
Consultabilità
Completa
Riassunto analitico
Qual è la ricetta segreta per il successo di un’impresa? Rispondere a questo quesito è tutt’altro che semplice in quanto chiama in causa una molteplicità di fattori legati ad ambiti diversi: dalla finanza al marketing, dalla produzione alla logistica.
Un “ingrediente” che, sicuramente più di prima, fa la differenza, sono le risorse umane, gli uomini e le donne che danno vita all’organizzazione.
Non c’è azienda che non abbia tra i suoi valori la centralità delle persone o che non affermi che esse rappresentano uno dei principali asset strategici. Ciononostante non sempre queste affermazioni trovano una reale concretizzazione: nella vita quotidiana troppo spesso prevalgono logiche di contrapposizione che antepongono gli interessi dell’impresa a quelli delle singole persone.
Ciò che le aziende devono interiorizzare nella loro cultura è il concetto che investire sul capitale umano sia la migliore scelta strategica, in quanto rappresenta un vantaggio non solo per le persone, ma anche per l’organizzazione stessa.
Il clima organizzativo è visto come un anello fondamentale che unisce le scelte e gli interventi messi in campo dalle aziende in tema di people management.
Queste le considerazioni di Laura Innocenti.
“People are the key assets in the new world market and that all other assets are nothing more than commodities that can be purchased at amarket prices, because only the human asset has potential to learn, grow, and contribute” affermava Fitz-enz nel 1995 nella sua opera How to measure human resources management.
Il benessere organizzativo è definito da Pellizzoni come “il rapporto che lega le persone al proprio contesto di lavoro”.
In questo elaborato sono stati analizzati, senza pretesa di esaustività, i fattori che conducono al benessere organizzativo anche se potrebbe sembrare un lusso, in tempi di recessione e di disoccupazione giovanile ( e non solo) ragionare su un’organizzazione del benessere; un lusso esattamente come, in passato, venne considerata la Qualità Totale.
Scopo di questo elaborato è stata l’analisi di due aspetti, a mio parere, molto importanti su cui il management di ciascuna azienda dovrebbe riflettere.
L'unica conclusione a cui si può giungere è la constatazione che, purtroppo, allo stato attuale, l’applicazione di queste teorie sembra quasi essere un’utopia e, talvolta, un po’ naif.
File