ETD system

Electronic theses and dissertations repository

 

Tesi etd-04042013-110224


Thesis type
Tesi di laurea magistrale
Author
BUFFONI, VERONICA
URN
etd-04042013-110224
Title
Giovani e lavoro: analisi dei fattori socio-demografici ed esperienziali che influiscono sulla propensione alla mobilita internazionale
Struttura
ECONOMIA E MANAGEMENT
Corso di studi
MARKETING E RICERCHE DI MERCATO
Commissione
relatore Prof. Gandolfo, Alessandro
Parole chiave
  • studenti universitari
  • sample
  • mobility
  • mobilità internazionale
  • lavoro
  • laureati
  • job
  • international
  • impieghi
  • graduates
  • giovani
  • family
  • famiglia
  • experience
  • esperienza
  • campione
  • undergraduates
  • work
  • young people
Data inizio appello
22/04/2013;
Consultabilità
parziale
Data di rilascio
22/04/2053
Riassunto analitico
Indagine sulle intenzioni e le percezioni di un collettivo di 1000 studenti universitari italiani riguardo la loro propensione alla mobilità lavorativa internazionale. Si tratta si uno studio che ha avuto la finalità di individuare e studiare i fattori condizionati del fenomeno migratorio: sono state indagate le esperienze pregresse (formative e lavorative), la famiglia d&#39;origine e altre variabili sono risultate dall&#39;analisi dell&#39;output come la conoscenza delle lingue e le vacanze di piacere.<br>Il 72% degli studenti del campione è disposto a lasciare l’Italia mentre è in Italia che il 28% di loro preferirebbe trovare lavoro.<br>La propensione ad emigrare aumenta in corrispondenza dell’aver fatto un’esperienza di studio o lavoro all’estero e dall’analisi risulta che il 53% degli intervistati non ha preso parte a nessun progetto di mobilità internazionale ha invece investito in questo tipo di esperienza il 47% dei rispondenti.<br>Esiste una correlazione tra la disponibilità a spostarsi anche all’estero per lavorare e l’aver fatto esperienza poichè l’82% degli studenti che hanno già vissuto all’estero grazie a queste attività è disposto a spostarsi per lavorare e il 38% degli studenti che non l’hanno fatta sono orientati a trattenersi in Italia una volta terminati gli studi.<br>Infatti tra gli intenzionati ad andare all’estero il 54% degli studenti ha esperienza mentre tra quelli che preferirebbero rimanere in Italia il 71% non ha mai vissuto all’estero.<br>Per quanto riguarda l’esperienza lavorativa solo il 35% degli studenti del campione lavora, molte volte si tratta di un’occupazione non inerente al proprio ambito di studi, che spesso viene svolta senza un regolare contratto.<br>Il contesto appena descritto fa si che per gli studenti del campione questa variabile non discrimini la possibilità di emigrare.<br>Attraverso l’analisi multivariata, ho individuato anche altre variabili che influiscono sul fenomeno migratorio: le vacanze di piacere per esempio; la disponibilità a spostarsi anche fino all’estero per lavorare subisce degli aumenti in corrispondenza di più vacanze fatte in un anno, questa relazione diretta risulta ancora più marcata se si considera quante di quelle vacanze avevano come meta paesi stranieri.<br>Inoltre è stata rilevata una correlazione diretta con Ia conoscenza della lingua, nonostante che più della metà del campione conosca solo l’inglese, all’aumentare del numero di lingue conosciute, aumentano gli studenti disposti a spostarsi per lavoro.<br>In particolare per quanto riguarda la lingua inglese, nonostante il livello medio di conoscenza del campione sia “sufficiente” esiste una relazione diretta tra grado di conoscenza dell’inglese e propensione a partire.<br>È chi abita ormai al di fuori del proprio nucleo familiare che risulta maggiormente predisposto a trasferirsi oltre i confini nazionali per inseguire un lavoro coerente con i propri studi.<br>In Italia restano a lavorare il 78% di studenti che abitano con i genitori, mentre tra coloro che andrebbero all’estero è invece più rilevante la quota di studenti che abita fuori casa. <br><br>Survey on the intentions and perceptions of a group of 1,000 Italian university students about their propensity to international labor mobility. It is a study that was carried out to identify and study the factors influenced the migration phenomenon: were investigated previous experience (training and employment), the family of origin and other variables were found from the analysis of the output as knowledge of languages ​​and leisure holidays.<br>72% of the students in the sample is willing to leave Italy while it is in Italy that 28% of them would prefer to find a job.<br>The propensity to migrate increases at the doing of a learning or working abroad and the analysis shows that 53% of respondents did not take part in any project of international mobility<br>has instead invested in this type of experience, 47% of respondents.<br>There is a correlation between the willingness to move abroad to work and gaining experience as 82% of the students who have already lived abroad thanks to these activities is willing to move for work and 38% of students who have not made are geared to stay in Italy once their studies.<br>In fact, among the willing to go abroad, 54% of students experience while among those who would prefer to stay in Italy, 71% had never lived abroad.<br>As for work experience only 35% of the students in the sample works, many times it is a job not related to their field of study, which is often carried out without a regular contract.<br>The context just described means that for students in the sample this variable does not discriminate against the possibility of emigrating.<br>Through multivariate analysis, I have also identified other variables that affect the migration phenomenon: leisure holidays for example, the willingness to move abroad to work even up undergoes increases at several made holidays in a year, this report live is even more pronounced when you consider how many of those holidays had as a destination countries.<br>Was also noted a direct correlation with Ia knowledge of the language, despite the fact that more than half of the sample knows only English, as the number of languages ​​spoken, increase students willing to move for work.<br>In particular with regard to the English language, despite the average level of knowledge of the sample is &#34;sufficient&#34; exists a direct relationship between the degree of knowledge of, and propensity to low.<br>You who now lives outside of their household that is more prepared to move across national borders in pursuit of a job consistent with their studies.<br>In Italy remain to work 78% of students living with their parents, while among those who should be abroad is to be more significant share of students who live outside the home.
Note
La tesi in oggetto non è stata inserita correttamente nel data base dall’autore. L’autore stesso ed i relatori sono stati avvertiti di tale omissione.
File