ETD system

Electronic theses and dissertations repository

 

Tesi etd-03302016-131347


Thesis type
Tesi di laurea magistrale LM5
Author
BOGGIONI, REBECCA
URN
etd-03302016-131347
Title
"Il sentimento religioso può limitare il diritto di satira?"
Struttura
GIURISPRUDENZA
Corso di studi
GIURISPRUDENZA
Commissione
relatore Prof. Consorti, Pierluigi
Parole chiave
  • sentimento religioso
  • satira
  • libertà di religione
Data inizio appello
18/04/2016;
Consultabilità
completa
Riassunto analitico
La satira costituisce la più graffiante delle manifestazioni artistiche. Basata su sarcasmo, ironia, trasgressione.<br>La satira è espressione artistica nella misura in cui opera una rappresentazione simbolica che propone una metafora caricaturale.<br>La satira essendo una riproduzione ironica, una forma d’arte, trova il suo riconoscimento costituzionale:<br>- Nell’art. 21 libertà di manifestazione del pensiero, libertà di stampa e di espressione<br>- Nell’art. 33 che sancisce la libertà dell’arte <br>- Nell’art. 9 sviluppo della cultura e della ricerca scientifica e tecnica e la tutela e salvaguardia del patrimonio storico, artistico, ed ambientale.<br>La peculiarità della satira, che si esprime con il paradosso e la metafora surreale, la sottrae al parametro della verità e la rende eterogenea rispetto alla cronaca; a differenza di questa che, avendo la finalità di fornire informazioni su fatti e persone, è soggetta al vaglio del riscontro storico, la satira è riproduzione ironica e non cronaca di un fatto; essa esprime un giudizio che necessariamente assume connotazioni soggettive ed opinabili, sottraendosi ad una dimostrazione di veridicità.<br>La satira è, però, soggetta al limite della continenza e della funzionalità delle espressioni adoperate rispetto allo scopo di denuncia sociale perseguito.<br>Sul piano della continenza il linguaggio essenzialmente simbolico e frequentemente paradossale della satira - in particolare di quella esercitata in forma grafica - è svincolato da forme convenzionali, per cui è inapplicabile il metro della correttezza dell&#39;espressione.<br>La satira è una scriminante che non può operare laddove, trasmodando da un attacco all&#39;immagine pubblica del personaggio, si risolva in un insulto gratuito alla persona in quanto tale o nella rappresentazione caricaturale e ridicolizzante posta in essere allo scopo di denigrare l&#39;attività professionale.<br>L&#39;aperta inverosimiglianza dei fatti espressi in forma satirica esclude la loro capacità offensiva della reputazione, dell&#39;onore e del prestigio.<br>Nell&#39;esercizio del diritto di critica si possono adoperare espressioni di qualsiasi tipo che si risolvano in lesione dell&#39;altrui reputazione, purché siano funzionali alla manifestazione di dissenso ragionato dall&#39;opinione o dal comportamento altrui; non sono, invece, ammessi apprezzamenti negativi che degradino in gratuita aggressione distruttiva della reputazione, discreditando la vita altrui in qualcuna delle sua manifestazioni essenziali.
File