ETD system

Electronic theses and dissertations repository

 

Tesi etd-03282011-223336


Thesis type
Tesi di laurea specialistica LC5
Author
SAPONARO, CHIARA
URN
etd-03282011-223336
Title
ATTIVITA' ANTIATEROGENA DI UNA NUOVA CLASSE DI COMPOSTI: I DERIVATI DEL PIRIDO(1,2-a)PIRIMIDIN-4-ONE.
Struttura
FARMACIA
Corso di studi
CHIMICA E TECNOLOGIA FARMACEUTICHE
Commissione
relatore Dott. Basta, Giuseppina
relatore Dott. Del Turco, Serena
correlatore Dott. La Motta, Concettina
Parole chiave
  • molecole d'adesione
  • aterogenesi
  • infiammazione
  • attivazione endoteliale
Data inizio appello
28/04/2011;
Consultabilità
parziale
Data di rilascio
28/04/2051
Riassunto analitico
L’Aterosclerosi è una malattia caratterizzata da placche fibrolipidiche nelle arterie e attualmente rappresenta una delle cause più importanti di malattie cardiovascolari. La comprensione della patogenesi del processo aterosclerotico è dunque di cruciale importanza, al fine di delineare target terapeutici efficaci. In questo processo patogenetico, l’infiammazione gioca un ruolo chiave. <br>Stimoli infiammatori inducono l’“attivazione delle cellule endoteliali” cioè un’alterazione fenotipica che include la neo-espressione di molecole di adesione come VCAM-1 ed il rilascio di mediatori chimici derivanti dal metabolismo dell’ acido arachidonico per mezzo degli enzimi lipossigenasi e ciclossigenasi, eventi accompagnati dalla produzione di radicali liberi dell’ossigeno (ROS). <br><br>Obiettivo: Lo scopo di questa tesi era la valutazione “in vitro” delle capacità antiinfiammatorie, antiossidanti e antiproliferative di alcune molecole di nuova sintesi, derivati del pirido (1,2-a)pirimidin-4-one, sulle cellule endoteliali. <br><br>Metodi: Sono state utilizzate cellule endoteliali provenienti da cordoni ombelicali umani su cui sono stati eseguiti i seguenti saggi: <br><br>Saggio dell’Amido-Black per la valutazione della tossicità cellulare. Saggio immunoenzimatico di superficie cellulare per determinare l’espressione di VCAM-1. Dosaggio immunoenzimatico competitivo per la produzione di prostacicline. Saggio per la valutazione di ROS intracellulari mediante l’uso della carbossi-2’,7’-diclorodidrofluoresceina di acetato bis (acetossimetil)-estere (C-DCFH-DA). <br><br>Risultati: Noi abbiamo valutato tre diverse concentrazioni (0.1µM, 1µM e 10µM) di 6 derivati del pirido-(1,2-a)pirimidin-4-one da noi siglati: DB87-A, DB92-B, DB94-C, DB96-D, DB99-E, DB103-F. Le concentrazioni da noi valutate di ogni composto sono risultate compatibili con la vitalità cellulare. <br>Dalla valutazione dell’espressione di VCAM-1 indotta dalla citochina infiammatoria TNF-a (10ng/mL) risulta che le sostanze DB87-A, DB92-B e DB99-E non ne inibiscono l’espressione indotta; le sostanze DB94-C e DB96-D la inibiscono debolmente ma solo alla concentrazione più alta (10µM). Invece la sostanza DB103-F ha una significativa capacità di inibire l’espressione di VCAM-1, la produzione di ROS intracellulari e la produzione di prostacicline infiammatorie in modo concentrazione dipendente. <br><br>Conclusioni: Il derivato DB103-F ha manifestato proprietà antiaterogene, antiinfiammatorie ed antiossidanti a concentrazioni compatibili con un suo utilizzo in vivo.
File