ETD system

Electronic theses and dissertations repository

 

Tesi etd-03272015-183401


Thesis type
Tesi di laurea specialistica LC5
Author
BANDUCCI, RAMONA
URN
etd-03272015-183401
Title
Bruxismo e patologia cardiovascolare: studio pilota comparativo
Struttura
PATOLOGIA CHIRURGICA, MEDICA, MOLECOLARE E DELL'AREA CRITICA
Corso di studi
ODONTOIATRIA E PROTESI DENTARIA
Supervisors
relatore Prof. Covani, Ugo
Parole chiave
  • stress
  • malattia cardiovascolare
  • bruxismo
Data inizio appello
27/04/2015;
Consultabilità
Completa
Riassunto analitico
Ad oggi l'infarto del miocardio costituisce una delle principali cause di morte. Spesso é una conseguenza di una preesistente malattia cardiovascolare e può essere relazionato a molti fattori di rischio dovuti alla sua complessa eziopatogenesi. Lo stress é uno di questi ed é anche una delle cause delle parafunzioni orali come il bruxismo.
Il bruxismo é un'abitudine orale caratterizzata da digrignamento non funzionale dei denti.
Diversi autori hanno evidenziato un aumento della frequenza del ritmo cardiaco nei pazienti bruxisti durante un episodio di digrignamento, altri hanno descritto un cambiamento del flusso sanguigno periferico e del battito cardiaco durante eventi di bruxismo.
Un'eccessiva usura dentaria risulta essere il segno più frequentemente citato di bruxismo, tanto che un metodo affidabile utilizzato per descrivere il bruxismo é il "tooth wear index", indice di abrasione.
Non é inusuale trovare faccette di usura nei pazienti affetti da malattie cardiovascolari, inoltre sia le malattie cardiovascolari che il bruxismo possono essere causati dallo stress.
É interessante valutare se esiste un legame diretto tra lo stato di bruxismo e una storia positiva di malattia cardiovascolare.
L'obiettivo del presente studio é rappresentare un'analisi di prevalenza in modo da valutare una potenziale associazione tra malattia cardiovascolare e bruxismo.
Il razionale alla base di questa ipotesi è che lo stress e l'ansia sono fattori eziologia i sia del bruxismo che della malattia cardiovascolare.
File