ETD system

Electronic theses and dissertations repository

 

Tesi etd-03262015-152028


Thesis type
Tesi di laurea magistrale LM5
Author
BIAGI, GESSICA
URN
etd-03262015-152028
Title
Appello al Consiglio di Stato, divieto dei nova e proposizione dei motivi aggiunti.
Struttura
GIURISPRUDENZA
Corso di studi
GIURISPRUDENZA
Commissione
relatore Prof. D'Antone, Carmelo
Parole chiave
  • appello Consiglio di Stato
Data inizio appello
13/04/2015;
Consultabilità
completa
Riassunto analitico
CAPITOLO I<br> <br>DALLA NASCITA DEL CONSIGLIO DI STATO ALLA CONFIGURAZIONE ATTUALE DELL’ISTITUTO<br><br><br>1.1 La nascita in seguito all’Editto di Racconigi; dalla Funzione consultiva ad una funzione tecnico – amministrativa.<br>1.2 Dalla vigilia dell’Unita d’Italia alla Legge del 1865<br>1.3 I tratti essenziali della riforma del 1865<br>1.4 Dall’Istituzione della Quarta Sezione del CdS alla vigilia della Carta Costituzionale.<br> 1.5 L’opera Costituzionale<br> 1.6 L’istituzione dei Tribunali Amministrativi Regionali e la nuova funzione di giudice d’Appello del Consiglio di Stato.<br> 1.7 L’emanazione del Codice del Processo Amministrativo<br><br><br>CAPITOLO II<br><br>L’APPELLO<br><br><br> 2.1 Introduzione: La nascita dell’istituto come mezzo di gravame.<br> 2.1.1. Le parti legittimate.<br> 2.1.2 La legittimazione passiva.<br> 2.2 L’appello incidentale<br> 2.3 L’appellabilità delle sentenze parziali e la riserva facoltativa di appello.<br> 2.4 L’Appello sulle decisioni delle Giunte Provinciali Amministrative.<br> 2.5 L’Appello dopo la Legge istitutiva dei TAR N. 1034 <br> del 1971.<br> 2.6 L’Appello nella nuova disciplina del Codice Amministrativo. <br> 2.7 Lo svolgimento del giudizio.<br> 2.8 La conclusione del giudizio e l’annullamento con rinvio.<br><br> <br> CAPITOLO III<br><br>DIVIETO DELLO JUS NOVORUM<br><br><br> 3.1 Introduzione.<br> 3.2 La Ratio del divieto.<br> 3.3 Divieto dei nova prima della Legge istitutiva dei TAR: <br> il contributo della dottrina.<br> 3.4 La dottrina successiva all’entrata in vigore della Legge <br> 1034/1971<br> 3.5 Orientamenti giurisprudenziali; il divieto di nuove domande.<br> 3.5.1 Il divieto di nuove eccezioni.<br> 3.5.2 Il divieto di nuove prove.<br> 3.6 La disciplina contenuta nel Codice; art. 104 C.p.a.<br><br><br> CAPITOLO IV<br><br>LA PROPOSIZIONE DEI MOTIVI AGGIUNTI<br><br><br> 4.1 Inquadramento<br> 4.2 Proposizione<br> 4.3 La nascita dell’istituto. <br> 4.4 Le problematiche sollevate in dottrina riguardo la<br> la proposizione di motivi aggiunti in appello.<br> 4.5 L’istituto dopo l’entrata in vigore della Legge n.<br> 1034/1971; rilievi dottrinali e giurisprudenziali.<br> 4.6 Ammissibilità e limiti dei motivi aggiunti in appello <br> a seguito della Legge n. 205/2000.<br> 4.7 La disciplina contenuta nel Codice del Processo <br> Amministrativo e l’orientamento del Consiglio di Stato.<br> 4.8 I commenti della Dottrina all’Art. 104 C.p.a.<br><br>BIGLIOGRAFIA<br>
File