ETD system

Electronic theses and dissertations repository

 

Tesi etd-03202015-160029


Thesis type
Tesi di laurea specialistica LC5
Author
VERGAMINI, YLENIA
URN
etd-03202015-160029
Title
Sintesi di nuovi ligandi multifunzionali a struttura 3-carbamoilossifenilica per il trattamento della patologia dell' Alzheimer
Struttura
FARMACIA
Corso di studi
FARMACIA
Commissione
relatore Dott.ssa Rapposelli, Simona
Parole chiave
  • farmaci multi-target
  • Alzheimer
  • terapia
Data inizio appello
15/04/2015;
Consultabilità
completa
Riassunto analitico
Questa tesi di laurea è incentrata sulla patologia dell&#39;Alzheimer: vengono soprattutto valutate le cause neuropatologiche che la costituiscono ( stress ossidativo, neuroinfiammazione, eccitotossicità, disomeostasi di ioni metalllici, diminuzione dei livelli di acetilcolina, formazione di placche amiloidi e di grovigli neurofibrillari) e le nuove terapie che si propongono di rallentarne il decorso.(terapie multifunzionali).<br>In questa tesi sono infatti riportate nuove molecole multifunzionali che dovrebbero essere in grado di agire simultaneamente su più target biologici coinvolti nella patologia stessa.<br>Le molecole sintetizzate sono state ottenute: attraverso la combinazione di un inibitore dell&#39;AChE e porzioni in grado di chelare i metalli responsabili dello stress ossidativo oppure attraverso la combinazione di inibitori dell&#39;AChE e porzioni in grado di rilasciare H2S in vivo.<br>Come inibitore dell&#39;acetilcolinesterasi si è scelta la rivastigmina, quindi le nuove molecole presentano la sua funzione farmacoforica ovvero la funzione N-etil-N-metilcarbammica.<br>Inoltre si è analizzato anche il fondamentale ruolo che l&#39;H2S svolge nell&#39;organismo e cosa accade in presenza di morbo di Alzheimer, dove il calo di H2S che si registra è intorno al 50%.<br>Infine si sono illustrati i processi sintetici affrontati per ottenere le 4 molecole multifunzionali che verranno testate su cellule HT22 per valutarne le loro capacità di inibire l&#39;aggregazione amiloide, ridurre lo stress ossidativo e inibire AChE e BuChE.
File