ETD system

Electronic theses and dissertations repository

 

Tesi etd-03162009-190748


Thesis type
Tesi di laurea specialistica
Author
BERTOCCHI, SARA
URN
etd-03162009-190748
Title
Suscettibilità genetica al carcinoma papillare tiroideo
Struttura
SCIENZE MATEMATICHE, FISICHE E NATURALI
Corso di studi
SCIENZE E TECNOLOGIE BIOMOLECOLARI
Commissione
Relatore Prof.ssa Gemignani, Federica
Parole chiave
  • PTC
  • carcinoma papillare tiroideo
  • SNP
  • WWOX
  • suscettibilità genetica
  • polimorfismi
Data inizio appello
02/04/2009;
Consultabilità
parziale
Data di rilascio
02/04/2049
Riassunto analitico
I tumori della tiroide sono abbastanza rari, rappresentano infatti l’1% circa di tutte le malattie oncologiche. Tra questi, il carcinoma papillare differenziato (PTC) rappresenta l’istotipo più frequente, coprendo oltre il 70% dei casi. Come per la maggior parte delle neoplasie solide, anche per il PTC l&#39;eziologia sembra essere multifattoriale, risultato, cioè, di una complessa interazione di fattori genetici ed ambientali. La suscettibilità genetica individuale è correlata ai polimorfismi dei geni implicati in processi cellulari determinanti che influenzano la risposta cellulare alla dose di cancerogeni a cui un individuo è sottoposto. L’ipotesi é che alcuni polimorfismi possano alterare la struttura secondaria, e quindi l’attività, di alcune proteine e possano contribuire a modulare il rischio di cancro. Il lavoro svolto per questa tesi si propone di selezionare, quindi analizzare sperimentalmente, polimorfismi a singolo nucleotide (SNPs) in relazione alla variabilità di rischio di PTC in uno studio di tipo caso-controllo.<br>La popolazione di studio è costituita da 2026 individui caucasici, 1010 casi e 1016 controlli. Nella fase preliminare sono stati selezionati gli SNPs e disegnati i relativi primers; per la selezione si è effettuata dapprima un’attenta ricerca bibliografica per evidenziare geni con espressione alterata. Sono stati quindi selezionati quei geni che hanno mutazioni somatiche e infine i geni che presentano SNPs con un cambiamento amminoacidico che coinvolge la prolina; tra i 4 geni candidati finali l’analisi si è concentrata sullo SNP C969G del gene oncosoppressore WWOX, che provoca un cambiamento amminoacidico della Prolina 282 ad Alanina. Nella parte sperimentale è stata eseguita l’estrazione del DNA da sangue intero, la genotipizzazione mediante ASO-PCR e l’elettroforesi su gel di agarosio. L’associazione tra lo SNP e il rischio di insorgenza di PTC è stata poi valutata tramite un’analisi di regressione logistica multivariata, ottenendo un Odd Ratio di 1,81 (CI 1,24-2,64) per il modello codominante, e di 1,77 (CI 1,23-2,55) per il modello dominante. Infine, é stato eseguito un multiallineamento con l’algoritmo CLUSTALW, verificando che la Prolina 282 è molto conservata nei vertebrati.<br>In conclusione, i dati ottenuti suggeriscono che il polimorfismo P282A del gene oncosoppressore WWOX potrebbe essere implicato nel determinare la diversa suscettibilità individuale a sviluppare il PTC.<br>
File