ETD system

Electronic theses and dissertations repository

 

Tesi etd-03062016-203110


Thesis type
Tesi di laurea magistrale LM5
Author
TATONE, FABRIZIO ANTONIO
email address
fabrizio.antonio.tatone@gmail.com
URN
etd-03062016-203110
Title
CONTROLLO DI CAMPYLOBACTER spp. IN UN SISTEMA DI ALLEVAMENTO BROILER FREE RANGE ATTRAVERSO L'UTILIZZO DI ADDITIVI ALIMENTARI
Struttura
SCIENZE VETERINARIE
Corso di studi
MEDICINA VETERINARIA
Commissione
relatore Dott. Fratini, Filippo
correlatore Dott. Bertelloni, Fabrizio
controrelatore Prof. Cerri, Domenico
Parole chiave
  • additivo alimentare
  • misura di controllo
  • sistema di allevamento free range
  • broiler
  • Campylobacter
Data inizio appello
08/04/2016;
Consultabilità
parziale
Data di rilascio
08/04/2019
Riassunto analitico
La Campilobatteriosi è la zoonosi più comunemente registrata nella UE dal 2005 con 236.851 casi confermati nel 2014 (EFSA, 2015). L’agente infettivo è Campylobacter spp, il quale causa un’infezione gastrointestinale acuta nell’uomo. La carne di pollo è generalmente riconosciuta come la fonte di trasmissione più importante per la Campilobatteriosi umana (EFSA, 2011). Tuttavia, non esistono criteri stabiliti dalla Legislazione Europea per identificare e quantificare Campylobacter nei prodotti alimentari; per tale motivo si preferisce un approccio preventivo ad uno repressivo. Secondo il parere scientifico dell’EFSA (European Food Safety Authority) le misure di controllo devono essere eseguite a più livelli, ma quelle messe in atto a livello della produzione primaria sono le più vantaggiose, in quanto influiscono sulle successive fasi della produzione, ossia macellazione, dettaglio e consumo. Infatti, riducendo la carica di Campylobacter di 3 log10 nell’intestino dei broiler, il rischio per la salute pubblica diminuirebbe di almeno 90%. Attualmente, non vi è alcuna strategia efficace, affidabile e pratica. Gli additivi alimentari aumenterebbero la resistenza dei broilersì alla colonizzazione e potrebbero ridurre la carica del Campylobacter nell’intestino dei volatili, ma sinora hanno dato risultati promettenti solo in studi sperimentali (Ghareeb et al, 2012; Modesto et al, 2009; EFSA, 2011). Lo scopo di tale studio è stato quello di valutare l’efficacia di sei diversi additivi contro la colonizzazione naturale di Campylobacter in un centro sperimentale Francese free-range di broilers.
File