ETD system

Electronic theses and dissertations repository

 

Tesi etd-03032019-205047


Thesis type
Tesi di dottorato di ricerca
Author
ROSA, MARTA
URN
etd-03032019-205047
Title
Ontologia della Performance Art
Settore scientifico disciplinare
M-FIL/04
Corso di studi
FILOSOFIA
Supervisors
tutor Prof. Desideri, Fabrizio
controrelatore Prof. Diodato, Roberto
Parole chiave
  • estetica analitica
  • filosofia
  • estetica
  • Richard Schechner
  • teoria della performance
  • Erika Fischer-Lichte
  • ontologia
  • Marina Abramovic
  • Performance Studies
  • Performance Art
  • estetica del performativo
Data inizio appello
12/03/2019;
Consultabilità
Completa
Riassunto analitico
Con il lavoro che segue ho cercato di offrire una risposta ad un grande interrogativo che, da sempre, si pone lʼEstetica: un interrogativo ontologico che può essere certamente rivolto a tutte le forme dʼarte, ma che forse sino ad oggi (soprattutto in Italia) ritengo non sia stato posto nella maniera più adeguata ed esplicita possibile nei confronti della Performance Art. La domanda attorno a cui ruota questo scritto risulta essere infatti la seguente: che cosʼè la Performance Art?
La prima parte del lavoro, in particolare, è incentrata quasi esclusivamente sulla filosofia di matrice “analitica” e costituisce una sorta di vademecum con cui cerco di chiarire ed avvicinarmi al discorso sullʼontologia della Performance Art. In essa ho cercato infatti di collocare la Performance Art nel più ampio intreccio di questioni teoriche legate alla dimensione definitoria, ontologica e rappresentazionale dellʼopera dʼarte e, più specificamente, di presentare le nozioni goodmaniane di “funzionamento estetico” e di “attivazione” come antidoti concettuali allʼimpasse a cui sembra votata una definizione ontologica della stessa.
Nella seconda parte è possibile trovare invece il contributo più originale offerto dal lavoro al dibattito contemporaneo sulla Performance Art: una presentazione generale dei Performance Studies, a partire dalla fondativa teoria della performance di Richard Schechner sino alla recente estetica del performativo di Erika Fischer-Lichte, assieme ad unʼanalisi degli “antefatti avanguardistici” della Perfomance Art e del più recente lavoro artistico di Marina Abramović, mi hanno condotto alla ricostruzione di una sorta di ontologia della Performance Art e allʼarticolazione e descrizione delle sue diverse “anime”.
File