ETD system

Electronic theses and dissertations repository

 

Tesi etd-02232016-000416


Thesis type
Tesi di laurea specialistica LC6
Author
ROMANELLO, DOMENICO ATTILIO
URN
etd-02232016-000416
Title
Everolimus nel trattamento dei tumori neuroendocrini ben e moderatamente differenziati; esperienza del centro pisano
Struttura
RICERCA TRASLAZIONALE E DELLE NUOVE TECNOLOGIE IN MEDICINA E CHIRURGIA
Corso di studi
MEDICINA E CHIRURGIA
Commissione
relatore Prof. Falcone, Alfredo
Parole chiave
  • tumori neuroendocrini
  • everolimus
Data inizio appello
15/03/2016;
Consultabilità
parziale
Data di rilascio
15/03/2019
Riassunto analitico
Scopo di tale studio è stato indagare retrospettivamente i pazienti affetti da tumori <br>neuroendocrini in stadio IV afferenti il polo oncologico di Pisa dal 1996 al 2013 per <br>valutare l’efficacia e la tollerabilità del trattamento con Everolimus in combinazione <br>con un analogo della somatostatina utilizzato in gruppi di pazienti a differente sede di <br>origine tumorale, differente grading, differente linea di trattamento. Si è inclusa una <br>coorte di quarantasei pazienti affetti da una neoplasia neuroendocrina ben o <br>moderatamente differenziata in stadio IV di origine gastroenteropancreatica, <br>polmonare o sconosciuta. Nei tumori neuroendocrini G1 e G2, dopo progressione a SSA, è possibile utilizzare un farmaco a bersaglio molecolare, una chemioterapia o una terapia radiorecettoriale con analoghi caldi della <br>somatostatina. <br> Dal presente studio è emerso che i pazienti affetti da tumore neuroendocrino <br>pancreatico e quelli con tumore neuroendocrino gastroenterico presentano un PFS <br>sovrapponibile senza differenze statisticamente significative (PFS mediana nei <br>pancreatici: 11,40 mesi, 95% CI: 4,56–18,24; PFS mediana nei gastroenterici: 14,93 <br>mesi, 95% CI: 7,18–22,69; p=0,80). Non si evidenziano, inoltre, differenze <br>significative in PFS in base al grading (PFS mediana G1: 7,83 mesi, 95% CI: 0,63–<br>15,04; PFS mediana G2: 14,43, 95% CI: 6,13–22,74; p=0,76). Si evidenzia un trend <br>a favore dell’utilizzo di Everolimus in linee precedenti a trattamenti chemioterapici e <br>terapia radiorecettoriale. Il numero contenuto del campione, dovuto all’incidenza <br>della malattia, richiede d&#39;indagare il dato su una casistica multicentrica ampliata per <br>dare significatività statistica all’analisi.
File