ETD system

Electronic theses and dissertations repository

 

Tesi etd-02112013-130738


Thesis type
Tesi di dottorato di ricerca
Author
MONTEL, ELISE
URN
etd-02112013-130738
Title
Erri De Luca, de la traduction à l'écriture
Settore scientifico disciplinare
L-FIL-LET/11
Corso di studi
STUDI ITALIANISTICI
Commissione
tutor Prof.ssa Buffaria, Pérette-Cécile
correlatore Prof. Floriani, Piero
Parole chiave
  • passaggio
  • origini
  • non-credente
  • midrash
  • giudaismo
  • Bibbia
  • (ri-)traduzione
  • "fuori norma"
  • ri-scrittura
  • scrittura babeliana
Data inizio appello
06/10/2012;
Consultabilità
completa
Riassunto analitico
Ex-militante dell'estrema sinistra, operaio, alpinista, Erri De Luca (1950-) è uno scrittore "non-credente" abitato dal testo biblico. Egli rifiuta ogni forma di autorità (statale, divina o letteraria), si iscrive "contro" tutto, in un "accanto", in un "fuori norma" traduttivo e esegetico biblico che è tuttavia "norma" dell'ermeneutica rabbinica. Il nostro lavoro prova a far vedere come De Luca propone a un lettore proteiforme una messinscena delle modalità di una lettura che si scrive. In una scrittura del non-detto, l'autore si ispira alla lettura, alla traduzione, al commento del testo biblico per meglio interrogare i generi letterari. Crea in questo modo, in un'opera babeliana in cui le origini sono orizzonte, un "in fra mezzo". La sua posizione di scrittura è doppia, tra cultura di fatto (di origine cristiana) e cultura inventata (di origine ebraica). La sua ri-traduzione non è una scrittura seconda, né una sotto-scrittura; nasce come scrittura. Decontestualizzando, rendendo letterario, risemantizzando il metodo esegetico rabbinico del midrash, De Luca propone una forma di ricezione personale del testo fondatore: guarda negli interstizi del testo biblico per conferirgli un'"altra possibilità".
File