ETD system

Electronic theses and dissertations repository

 

Tesi etd-02092020-144331


Thesis type
Tesi di dottorato di ricerca
Author
FATO, ANDREA
URN
etd-02092020-144331
Title
Earnings Management e Fair Value Hierarchy: Effetti della discrezionalità del management sull'earnings quality nel settore bancario. Profili teorici ed evidenza empirica nel settore bancario statunitense
Settore scientifico disciplinare
SECS-P/07
Corso di studi
ECONOMIA AZIENDALE E MANAGEMENT
Supervisors
tutor Prof. Liberatore, Giovanni
Parole chiave
  • banking
  • abnormal loan loss provision.
  • sfas 157
  • fair value hierarchy
  • earnings management
  • earnings quality
Data inizio appello
28/02/2020;
Consultabilità
Parziale
Data di rilascio
28/02/2023
Riassunto analitico
Questa tesi esamina l’effetto del principio contabile “Statement of Financial Accounting Standards 157: Fair Value Measurements (SFAS 157)”, che ha introdotto la gerarchia dei tre livelli di fair value, su un campione di banche statunitensi. Ricercatori e accademici hanno evidenziato il problema relativo alla value relevance del fair value e all’affidabilità delle proprietà informative dei tre livelli di fair value, che tendono a diminuire passando da Livello 1 a Livello 3. Sulla base di ciò, si analizza l’effetto sull’earnings quality del fair value hierarchy. L’earnings quality viene esaminato da due punti di vista differenti: da una prospettiva di value relevance dell’informativa e da una prospettiva di earnings management attuato per scopi opportunistici. Per attuare queste analisi sono utilizzati due modelli principali: il primo basato sull’abilità delle loan loss provisions del periodo corrente di predire i loan charge-offs del periodo futuro, il secondo inerente alla misura di earnings management attraverso le abnormal loan loss provisions, di tipo income-increasing e income-decreasing. Si vuole dimostrare con evidenza empirica che l’earnings quality è più bassa per banche che presentano alti livelli di fair value 2 e 3 e che vi è un progressivo mutamento nel tempo nelle pratiche di earnings management passando dall’utilizzo della discrezionalità di fair value di livello 2 e 3 a quello delle Loan Loss Provision. L’analisi del campione in periodo di crisi, 2007-2010, supporta questa ipotesi, evidenziando che banche con più alti livelli di fair value 3 hanno maggior probabilità di subire perdite, di presentare livelli più alti di loan loss provisions, di avere un livello più basso di tier 1 capital ratio in periodi di crisi e di incorrere in tutte queste tre situazioni. Questi risultati sono supportati dalla stretta dell’asset quality review sulle banche con alti livelli di fair value 3 e dalla nuova normativa contabile che predilige modelli expected loss piuttosto che incurred loss. I risultati mostrati porta alla validazione dell’ipotesi di una relazione inversa tra uso discrezionale del fair value 2 e delle abnormal loan loss provisions utilizzate con finalità di earnings management income-decreasing. I risultati sono rilevanti per bank regulators e per operatori del mercato finanziario.

The Statement of Financial Accounting Standards No. 157 (FAS No. 157), Fair Value Measurements, introduced three levels of Fair Value for fiscal years beginning after November 15, 2007. The Level 1 is used for financial instruments valuated by observable inputs from quoted prices in active markets. The Level 2 is used for financial instruments valuated by indirectly observable inputs from quoted prices of comparable items in active markets, identical items in inactive markets, or other market-related information. Finally, Level 3 is used for financial instruments valuated by unobservable, firm-generated inputs. Researchers and practitioners underlined problems related to value relevance of fair value, and in particular related to the decrease of information properties through transition from Level 1 to Level 3. The purpose of this paper is to investigate the relation between fair value hierarchy and earnings quality of US banks, after SFAS 157. I predict that earnings quality is lower for banks that use both higher discrection in levels 2 and 3 and lower loan loss provisions. This paper examines earnings quality from two perspectives: an information perspective and an opportunistic earnings management perspective. To test these associations are used two measures: first one, that reflect the information value of bank financial reporting, is related to the ability of current period’s loan loss provisions to predict next period’s charge-offs; second one of earnings management is related to income-increasing abnormal loan loss provisions and income-decreasing abnormal loan loss provisions. Using a sample of US banks during the crisis, 2007-2010, I find that banks with higher levels of fair value 3 are more likely to report losses, have higher loan loss provisions and lower tier 1 capital ratio during the crisis period. These results corroborate hypothesis that banks use more discretion in loan loss provisions after crisis period than discretion in levels 2, supported by new expected loss model. These results are relevant for banking regulators and participants in the financial market.
File