ETD system

Electronic theses and dissertations repository

 

Tesi etd-02022009-152724


Thesis type
Tesi di laurea specialistica
Author
PASCALE, GIOVANNI
URN
etd-02022009-152724
Title
LIFE CYCLE MANAGEMENT E PROJECT CONTROL: ANALISI DI UN CASO REALE
Struttura
ECONOMIA
Corso di studi
MANAGEMENT & CONTROLLO
Supervisors
Relatore Prof. Giannini, Marco
Parole chiave
  • PROGETTAZIONE
  • PROGETTO
  • COMMESSA
Data inizio appello
26/02/2009;
Consultabilità
Parziale
Data di rilascio
26/02/2049
Riassunto analitico
Il project management è un valido punto di riferimento, metodologico e culturale, per dare risposte esaurienti e operative a due ordini di problemi.
Il primo è rappresentato dalla ricerca di modalità risolutive della crisi di certi sistemi produttivi: crisi per sovradimensionamento o per obsolescenza di strutture organizzative o per i limiti che possono talora denotare, sul piano della realizzazione pratica, determinati sistemi di pianificazione.
Questi fenomeni, già dannosi singolarmente, si presentano spesso associati con intuibili fatali conseguenze.
Il secondo problema è ravvisabile nel rischio di una carenza di managerialità, dove efficacia ed efficienza possono essere gestite e valutate in modo non corretto: il rischio che si può presentare è riconducibile ad una scarsa propensione al rischio e allo sviluppo di sacche di irresponsabilità nelle decisioni e nelle conseguenti azioni.
Il project management è un sistema gestionale orientato ai risultati.
Lo si può definire come “gestione sistemica di un impresa complessa, unica e di durata determinata, rivolta al raggiungimento di un obiettivo chiaro e predefinito mediante un processo continuo di pianificazione e controllo di risorse differenziate e con vincoli interdipendenti di costi-tempi-qualità”.
Riflettendo sui singoli termini della definizione si evince immediatamente la sua portata di innovatività nell’azione e nella cultura manageriale, nonché la sua veste di pratica gestionale vincente in quelle organizzazioni che vogliono affrontare seriamente la gestione dei cambiamenti.
Ciò a giustificazione del fatto che il cambiamento e l’innovazione, con le loro recenti sorprendenti accelerazioni,sono i fattori centrali di successo delle imprese di questi anni e lo saranno ancora di più nell’immediato futuro.
In questo lavoro viene sviluppato e analizzato il modello gestionale dettato dal “Alfa”
S.p.A., holding di indirizzo e controllo industriale e strategico, a tutte le controllate del gruppo. “Alfa” S.p.A. è oggi presente e protagonista nei principali programmi internazionali di aerospazio e difesa, ai quali apporta competenze esclusive di progettazione, sviluppo e produzione e controlla, direttamente e indirettamente, oltre 100 società in Italia e nel mondo, per un totale di oltre 51000 addetti.
La tesi in oggetto presenta, quindi, un primo capitolo di introduzione al concetto essenziale di progetto e di descrizione delle caratteristiche peculiari che un buon progettista deve far valere all’interno delle diverse categorie di progetto di cui è protagonista.
Il lavoro prosegue col concentrarsi in maniera approfondita, nel secondo capitolo, sulla filosofia manageriale del project management, a partire da un primo collegamento con il sistema della Qualità Totale, per poi andare a scendere nel dettaglio degli aspetti strutturali, sia dal punto di vista operativo che organizzativo, senza trascurare ciò che riguarda l’aspetto legato alla gestione del rischio nei progetti.
In tutti i maggiori gruppi industriali del mondo che operano su cicli di business di
particolare complessità, quali sono le commesse di media e lunga durata, è stata adottata
un’articolata disciplina dei processi aziendali che “governa” la gestione delle attività per
l’intero ciclo di vita dei contratti.
Il terzo capitolo punta così, direttamente, alla presentazione delle linee guida e dei principi operativi del Life Cycle Management e del Project control, dettati da “Alfa”
S.p.A., applicati a tutto il ciclo di vita di un programma, dalla presentazione dell’offerta alla fornitura del prodotto o erogazione del servizio.
Infine, l’ultimo capitolo, verte sull’analisi completa di quelli che sono il modello gestionale e la struttura dei processi adottati da “Beta”, società del gruppo “Alfa”, nonchè leader nel campo dei sistemi per la difesa e per il controllo del traffico aereo.
File