ETD system

Electronic theses and dissertations repository

 

Tesi etd-01292018-122207


Thesis type
Tesi di laurea specialistica LC5
Author
SPILKUCIC, NENA
URN
etd-01292018-122207
Title
CASA PER STUDENTI A NAPOLI: FLESSIBILITA' TIPOLOGICA E TECNOLOGICA
Struttura
INGEGNERIA DELL'ENERGIA, DEI SISTEMI, DEL TERRITORIO E DELLE COSTRUZIONI
Corso di studi
INGEGNERIA EDILE - ARCHITETTURA
Commissione
relatore Arch. Lanini, Luca
relatore Prof. Santi, Giovanni
Parole chiave
  • residenze studentesche
  • napoli
  • flessiibilità
Data inizio appello
15/02/2018;
Consultabilità
parziale
Data di rilascio
15/02/2021
Riassunto analitico
L’obiettivo di questa tesi è la progettazione di una residenza universitaria, nel cuore della città di Napoli, l&#39;antica Neapolis. La sperimentazione progettuale ha lo scopo di ricercare nuovi modelli interpretativi dell&#39;housing per gli studenti universitari, tema già indagato da maestri quali Mies Van Der Rohe, Alvar Aalto e Le Corbusier, da sviluppare nel contesto unico della città greco-romana. <br>Le residenze studentesche in realtà sono molto più semplici di quello che si possa credere, niente va reinventato rispetto a quello che sono state le case studentesche nel passato. Una casa dello studente vuol dire essenzialmente dormitori, spazi per studiare e tante persone e quindi luoghi adatti per soddisfare le esigenze di uno studente, che oltre alla comodità offrono anche degli spazi per socializzare. Questo progetto, oltre a garantire tutte le comodità ai suoi utenti “tradizionali”, studenti, punta a introdurre utenze esterne nel suo involucro, cercando di integrarsi così nei particolari meccanismi del quartiere. Infatti si propone un sistema ibrido basato sulla convivenza, nella medesima struttura, di differenti funzioni e programmi, che interagiscono tra loro alterando le tipologie canoniche dei singoli usi, e che tale complessità funzionale si diffonde per offrire modelli di rivitalizzazione e stimolazione del tessuto urbano, La definizione di un nuovo modello, sia per la residenza dello studente, sia per le funzioni integrative alle strutture istituzionali e residenziali, come un microcosmo polivalente è attrezzato in grado di rispondere alle aspettative che comporta l&#39;abitare per un certo periodo della vita in una città diversa dalla propria e di soddisfare esigenze abitative necessariamente ridotte all&#39;essenziale.<br>L&#39;obiettivo da conseguire è quello di migliorare la qualità della vita dello studente e rendere la possibilità di godere la città, intesa sia come spazio per interscambi sociali e culturali, sia come esperienza di crescita personale.<br>Da queste premesse si muove il progetto, l’idea di uno spazio residenziale studentesco che decide di aprirsi al pubblico offrendo spazi di co-working, biblioteche, palestre, campi sportivi, piscine, ecc , tutti dominati dalla logica dello scambio e del contatto plurimo tra i diversi “utenti”. Spazi flessibili sia dal punto di vista tecnologico che tipologico, fondamentali nell’evoluzione dell’ambiente. <br>Una particolare attenzione è posta sul concetto di alloggio flessibile. Questo concetto viene introdotto con l’intento di rispondere a una pluralità di esigenze attraverso una spiccata flessibilità degli spazi domestici. Per flessibilità si intende il potenziale di facile ed economica trasformabilità morfologica e funzionale dell’alloggio e delle sue unità spaziali.<br>Il compito di favorire l’integrazione tra le diverse funzioni è affidato a sistemi innovativi di distribuzione che assumono il ruolo di connettere la molteplicità degli scenari proposti e stimolare le interazioni tra le parti programmatiche e i diversi tipi di utenti.<br>Questo filtro consente di riscoprire una capacità, un’energia sopita dell’architettura (e di conseguenza della città), di reinventarsi, di trasformarsi in una dimensione espansiva e relazionale di interazione con il tessuto esistente, che non si sottrae all’indeterminatezza delle condizioni del costruire contemporaneo.<br>
Note
La tesi in oggetto non è stata inserita correttamente nel data base dall’autore. L’autore stesso ed i relatori sono stati avvertiti di tale omissione
File