Sistema ETD

banca dati delle tesi e dissertazioni accademiche elettroniche

 

Tesi etd-09122009-115828


Tipo di tesi
Tesi di laurea specialistica
Autore
ARCOLINI, MARCO
URN
etd-09122009-115828
Titolo
Studio di fattibilita' per il recupero edilizio ambientale del complesso ex Filanda di Forno a Massa
Struttura
INGEGNERIA
Corso di studi
INGEGNERIA EDILE
Commissione
relatore Prof. Maffei, Pier Luigi
relatore Dott. Lorenzetti, Ernesto
relatore Dott. Nardini, Luca
relatore Prof. Salvatore, Walter
Parole chiave
  • edifici in muratura
  • analisi di sovrapposizione modale
  • analisi di vulnerabilità sismica
  • studio di fattibilità
Data inizio appello
06/10/2009;
Disponibilità
parziale
Data di rilascio
2049-10-06
Riassunto analitico
Scopo della presente tesi, è stato quello di valutare la fattibilità di un intervento volto al recupero edilizio e ambientale del complesso denominato ex – Filanda di Forno a Massa.
L’edificio, riconosciuto da parte della Soprintendenza, opera di particolare interesse storico e architettonico, versa oggi in condizioni di profondo degrado ed abbandono. Per far in modo che, non solo l’edificio, ma l’intero paese possano riappropriarsi di tutti quei valori che l’avevano resi forti e competitivi, oramai più di cento anni fa, risulta evidente la necessità di uno studio approfondito mirato al recupero dell’intero complesso.
Lo studio è stato affrontato per fasi. La prima ha portato allo sviluppo di un’approfondita Analisi Conoscitiva, comprendente uno studio su Forno e l’intero Opificio. Successivamente è stata effettuata un’Analisi Strutturale, volta alla determinazione del corretto comportamento strutturale dell’edificio. La terza fase, sulla base di diverse proposte progettuali quali un Centro Benessere, un Museo e Mostra del Marmo e un Parco Polifunzionale, ha visto la determinazione della soluzione più idonea. Tale scelta è stata possibile mediante l’applicazione del criterio dell’Analisi del Valore (AV); dal confronto degli Indici di Valore determinati, l’opzione più adeguata è risultata essere il Parco Polifunzionale.
Infine, per poter affrontare in maniera corretta e precisa la redazione di un progetto, in accordo con le prescrizioni normative, i vincoli e gli obbiettivi imposti, viene proposto uno strumento oramai indispensabile nella realizzazione delle opere pubbliche, ovvero il Documento preliminare all’avvio della progettazione (Dpp).
File