Sistema ETD

Archivio digitale delle tesi discusse presso l'Università di Pisa

 

Tesi etd-09022008-121041


Tipo di tesi
Tesi di laurea specialistica
Autore
GUARNERI, STEFANO
URN
etd-09022008-121041
Titolo
Disinfezione delle uova di orata (Sparus aurata, L.): efficacia dei trattamenti ed effetto sulla qualita larvale
Struttura
MEDICINA VETERINARIA
Corso di studi
MEDICINA VETERINARIA
Commissione
Relatore Prof. Pretti, Carlo
Relatore Dott. Marzoni Fecia di Cossato, Margherita
Relatore Prof. Romboli, Isabella
Parole chiave
  • Sparus aurata
  • uova
  • larve
  • disinfezione
  • iodio
Data inizio appello
19/09/2008;
Consultabilità
parziale
Data di rilascio
19/09/2048
Riassunto analitico
L’incidenza delle patologie di origine virale, batterica e protozoaria rappresenta, negli impianti ittici che praticano la riproduzione controllata, un aspetto importante che incide sulla produttività aziendale (sopravvivenza e sulla qualità delle larve prodotte). Lo scopo del presente lavoro di tesi è stato quello di valutare, in condizioni di campo, l’efficacia e la sicurezza d’uso di un disinfettante a base di iodio sulle uova e sulle larve di orata (Sparus aurata). Le prove si sono svolte presso l’impianto di riproduzione artificiale “Maricoltura Rosignano Solvay”. Le uova fecondate ottenute per deposizione spontanea dai riproduttori, sono state raccolte e suddivivise in due lotti separati: uno è stato esposto al disinfettante oggetto dello studio, OVADINE ® (PVP-I), una soluzione al 10% di polivinilpirrolidone e iodio (1% di iodio attivo) (Western Chemical, Inc., USA), impiegato alla concentrazione di 100 ppm di iodio attivo, l’altro ha agito come controllo (non trattato). L’efficacia è stata valutata con un metodo microbiologico e attraverso la microscopia elettronica a scansione. La sicurezza d’uso è stata valutata invece sulla base della sopravvivenza larvale a seguito del trattamento e su parametri biometrici legati alla qualità delle larve prodotte e monitorate per un periodo di 60 giorni. I risultati ottenuti hanno indicato, in termini di carica microbica, una immediata e significativa efficacia disinfettante del PVP-I rispetto al gruppo di controllo. Dopo 24 ore dalla fine del trattamento, la contaminazione batterica delle uova non ha mostrato significative differenze tra i due gruppi. Per quanto riguarda la valutazione della sopravvivenza larvale e la qualità delle larve, il trattamento con PVP-I ha mostrato un sensibile decremento del numero di larve ottenute, legato ad un più alto tasso di degenerazione di uova fecondate e ad una bassa percentuale di uova schiuse. Tuttavia, nel periodo di osservazione post-schiusa, alcuni parametri di qualità larvale (taglia delle larve e conformazione scheletrica delle code) indicano nel gruppo trattato con PVP-I soggetti di migliore qualità. Sebbene sia evidente la rapida efficacia battericida, l’assenza di efficacia dopo 24 ore ed il minor numero di larve prodotte, indicano che il PVP-I, nelle condizioni della prova ed alla concentrazione utilizzata, non rappresenta una efficace soluzione per la disinfezione delle uova a fini profilattici.
File