ETD

archivio digitale delle tesi discusse presso l'Università di Pisa

 

Tesi etd-08302018-165003


Tipo di tesi
Tesi di laurea magistrale
Autore
GIUDICE, CAMILLA
URN
etd-08302018-165003
Titolo
Il lato oscuro delle ricerche di mercato on-line: indagine empirica sui principali istituti attivi in Italia
Struttura
ECONOMIA E MANAGEMENT
Corso di studi
MARKETING E RICERCHE DI MERCATO
Commissione
relatore Prof. Gandolfo, Alessandro
Parole chiave
  • web
  • questionario online
  • sondaggio online
  • ricerca di marketing
  • Ricerca di mercato
Data inizio appello
01/10/2018;
Consultabilità
parziale
Data di rilascio
01/10/2021
Riassunto analitico
Questa tesi si pone l’obiettivo di studiare le potenzialità generate dalla rete nella conduzione delle ricerche di mercato, mettendo in evidenza non solo i vantaggi offerti, ma anche e soprattutto i problemi che possono derivare dall’uso di queste nuove metodologie.
Il principale aspetto indagato in questo elaborato è quello relativo alla qualità e all’attendibilità dei dati di mercato così raccolti. In particolare, dopo un’attenta consultazione della letteratura a riguardo, è stata svolta un’indagine empirica sui principali Istituti di Ricerca Online attivi in Italia, con il fine di verificare in prima persona il metodo con cui questi conducono le proprie ricerche online ed indagare, inoltre, in merito ai diversi tipi di controlli usati sui rispondenti atti a garantire la massima affidabilità delle informazioni ottenute.
Infine, verranno illustrati i risultati di un sondaggio online condotto con lo scopo di indagare in merito alla conoscenza da parte delle persone delle ricerche di mercato online. In questo modo, avremo modo di verificare quanto gli individui sono disposti a partecipare alle indagini così condotte e, aspetto ancora più rilevante, in che modo affrontano questo tipo di ricerche.
Alla luce dei risultati ottenuti, vediamo che sono molti i margini di miglioramento possibili, sia da parte delle società di ricerca ma anche, e soprattutto, da parte di tutti i partecipanti alle indagini online.
File