Sistema ETD

banca dati delle tesi e dissertazioni accademiche elettroniche

 

Tesi etd-07112011-161830


Tipo di tesi
Tesi di specializzazione
Autore
D'INCECCO, ARMIDA
URN
etd-07112011-161830
Titolo
Correlazione tra i polimorfismi e l'attività della citidina deaminasi con l'outcome clinico in pazienti affetti da tumore del polmone non a piccole cellule in stadio avanzato trattati con platino/gemcitabina
Struttura
MEDICINA E CHIRURGIA
Corso di studi
ONCOLOGIA
Commissione
relatore Prof. Alfredo Falcone
Parole chiave
  • attività
  • gemcitabina
  • polimorfismi
  • NSCLC
  • citidina deaminasi
Data inizio appello
2011-07-29
Disponibilità
completa
Riassunto analitico
Il tumore del polmone rappresenta la principale causa di morte per neoplasia nel Mondo e l’individuazione di parametri predittivi per la scelta del trattamento ha assunto un ruolo rilevante nella pratica clinica.
Sulla base di queste considerazioni, è stato condotto uno studio con l’obiettivo di valutare l’influenza dei polimorfismi A79C e C435T e l’attività enzimatica della citidina deaminasi (CDA) sull’outcome clinico di 126 pazienti affetti da tumore del polmone non a piccole cellule avanzato trattati con regimi a base di platino e gemcitabina.
I polimorfismi e l'attività del CDA sono stati analizzati utilizzando rispettivamente la PCR e l'high-performance liquid chromatography.
Lo studio ha mostrato un prolungamento significativo del tempo alla progressione (6.0 mesi versus 3.0 mesi; P=0.001) e della sopravvivenza (11.0 mesi versus 5.0 mesi; P=0.001) nei pazienti con genotipo CDA A79A/A79C rispetto ai pazienti con genotipo C79C, e un prolungamento della sopravvivenza (10.0 mesi versus 5.0 mesi; P=0.025) ma non del tempo alla progressione (6.0 mesi versus 2.0 mesi; P=0.164) nei pazienti con genotipo CDA C435C/C435T rispetto ai pazienti con genotipo T435T.
Nei pazienti con bassa attività del CDA si è evidenziato un vantaggio in termini di risposte, sopravvivenza libera da progressione e sopravvivenza globale.
L’analisi dell’attività enzimatica del CDA, pertanto, sembra essere un promettente biomarker di attività ed efficacia del trattamento chemioterapico basato su platino e gemcitabina.
File