Sistema ETD

banca dati delle tesi e dissertazioni accademiche elettroniche

 

Tesi etd-07062007-194148

Condividi questa tesi: 
 
 

Tipo di tesi
Tesi di dottorato di ricerca
Autore
Lucci, Carlamaria
URN
etd-07062007-194148
Titolo
Le diverse percezioni del tempo nell’epica greca arcaica. Studi sull’Iliade
Settore scientifico disciplinare
L-FIL-LET/02 - LINGUA E LETTERATURA GRECA
Corso di studi
FILOLOGIA E LETTERATURE GRECA E LATINA
Commissione
Relatore Prof. Riccardo Di Donato
Relatore Prof. Franco Ferrari
Relatore Prof. Giovanni Cerri
Parole chiave
  • Percezioni
  • Iliade
  • epica greca arcaica
  • tempo
Data inizio appello
2007-06-20
Disponibilità
parziale
Data di rilascio
2047-06-20
Riassunto analitico
L’indagine, condotta in direzione storico-antropologica, parte dalla constatazione che, all’interno del poema iliadico, sia possibile isolare una serie di filoni metanarrativi, riconducibili a tre tipologie: reminiscenze giovanili, attribuite a personaggi anziani, recite genealogiche, attribuite a personaggi giovani, reminiscenze relative a figure divine. L’analisi contenutistica di tali excursus porta alla luce una corrispondenza sistematica fra passato metanarrativo e forme di civiltà alternative, rispetto a quelle testimoniate nell’azione principale dell’Iliade, incardinata sull’ideologia guerriera dello “aristeuein”. Si tratta, per lo più, di un immaginario simbolico polivalente, articolato su due livelli semantici, autonomi, ma interrelati: la crisi iniziatica e la crisi dinastica. L’indagine storico-antropologica rivela, al contempo, che tali forme di civiltà, si radicano in un’epoca protostorica, coincidente con le Età Oscure, e di gran lunga anteriore allo sviluppo dell’ideologia guerriera dello “aristeuein.” Il tempo epico risulta, in conclusione, un vero e proprio codice simbolico, dotato di una duplice funzione, sincronica e diacronica, rispettivamente come marcatore di alterità ideologica e come operatore cronologico.
File