Sistema ETD

Archivio digitale delle tesi discusse presso l'Università di Pisa

 

Tesi etd-06072011-091957


Tipo di tesi
Tesi di specializzazione
Autore
GIAMBASTIANI, PAMELA
URN
etd-06072011-091957
Titolo
FARMACI AGONISTI DEI RECETTORI ATTIVATI DAL PROLIFERATORE DEL PEROSSISOMA (PPAR) NEL TRATTAMENTO DEL DIABETE DI TIPO II:DALLO SVILUPPO CLINICO AL RITIRO DI ROSIGLITAZONE PER TOSSICITA' CARDIOVASCOLARE
Struttura
MEDICINA E CHIRURGIA
Corso di studi
FARMACOLOGIA
Commissione
relatore Blandizzi, Corrado
Parole chiave
  • cardiotossicità
  • glitazoni
  • tollerabilità
  • recettori
  • diabete
Data inizio appello
26/07/2011;
Consultabilità
completa
Riassunto analitico
Questa tesi si pone l'obbiettivo di effettuare una revisione delle informazioni disponibili in letteratura relative alla classe terapeutica dei glitazoni con particolare riferimento al loro profilo di tollerabilità ed al loro sviluppo clinico fino al ritiro dal commercio di rosiglitazone per tossicità cardiovascolare. Tramite ricerche sono stati identificati studi che descrivono i trattamenti disponibili per il diabete mellito di tipo due con particolare riferimento alla classe dei glitazoni.L'aggravamento del diabete ed il protrarsi dell'insulino-resistenza costringono le cellule pancreatiche a secernere un elevato quantitativo di insulina e gradualmente il paziente passa da uno stato di alterata tolleranza al glucosio ad iperinsulinemia compensatoria ed a iperglicemia post prandiale lieve. Quando i livelli di insulina si abbassano ulteriormente l'effetto inibitore dell'insulina sulla produzione di glucosio epatico diminuisce con conseguente aggravamento dell'iperglicemia a digiuno. Poichè la diagnosi di diabete di tipo due normalmente viene effettuata a questo stadio avanzato della malattia non sorprende il fatto che in soggetti con recente diagnosi di diabete di tipo due la funzionalità delle cellule pancreatiche sia ridotta della metà.L'ampia diffusione del diabete di tipo due necessita principalmente del trattamento dell'iperglicemia che può migliorare lo stato morboso della malattia.
File