ETD system

Electronic theses and dissertations repository

 

Tesi etd-06062016-172330


Thesis type
Tesi di laurea magistrale
Author
FIORITO, MARIA ELISA
URN
etd-06062016-172330
Title
Il trattato Sul cosmo di Plotino
Struttura
CIVILTA' E FORME DEL SAPERE
Corso di studi
FILOSOFIA E FORME DEL SAPERE
Commissione
relatore Prof.ssa D'Ancona, Cristina
Parole chiave
  • Plotino
  • cosmo
Data inizio appello
27/06/2016;
Consultabilità
parziale
Data di rilascio
27/06/2019
Riassunto analitico
Nel trattato Sul cosmo Plotino discute il problema dell’eternità dell’universo. Questo tema richiama il De caelo di Aristotele, il quale si era chiaramente espresso in favore dell’eternità del cosmo, polemizzando con la teoria platonica della generazione del mondo e con l’interpretazione allegorica del Timeo proposta da alcuni membri dell’Accademia.

Nella prima parte di questo studio ho cercato di fissare alcuni degli aspetti più significativi del lavoro di esegesi condotto da Plotino sul Timeo e mostrare che la discussione delle teorie cosmologiche del De caelo rappresenta allo stesso tempo una tappa fondamentale per l’elaborazione della concezione plotiniana dell’universo e dei corpi celesti.

Nella seconda parte del lavoro ho svolto la traduzione e il commento analitico del trattato. L’analisi del quinto capitolo in cui Plotino descrive la generazione del cielo e della terra attraverso la processione di una serie di anime, mi ha indicato la strada per la ricerca a cui è dedicata la terza parte della tesi.

Nel terzo capitolo ho affrontato il problema dell’unità e della molteplicità delle anime svolgendo una breve disamina del trattato Se tutte le anime siano una sola IV 9 [8], per esporre le questioni salienti che sono divenute oggetto di dibattito tra gli studiosi.

Un influente articolo di Blumenthal ha messo in discussione una tradizione di studi che considerava l’Anima cosmica come il principio sovrasensibile posteriore all’Intelletto.

La tripartizione psichica pensata da Blumenthal rende meglio l’immagine della natura intermedia del terzo principio ipostatico: essa è un misto del genere divisibile e di quello indivisibile, perciò anima, anima del mondo e anima individuale sono solo modi di espressione per descrivere la vita dell’anima, l’atto di contemplazione rivolto ad un principio superiore, la generazione dell’universo e la vivificazione dei singoli individui.



File