Sistema ETD

banca dati delle tesi e dissertazioni accademiche elettroniche

 

Tesi etd-04232010-135632

Condividi questa tesi: 
 
 

Tipo di tesi
Tesi di dottorato di ricerca
Autore
LIUZZI, GIORGIO
URN
etd-04232010-135632
Titolo
La politica di repressione tedesca nel litorale adriatico (1943-1945)
Settore scientifico disciplinare
M-STO/04 - STORIA CONTEMPORANEA
Corso di studi
STORIA
Commissione
tutor Prof. Paolo Pezzino
Parole chiave
  • stragi naziste
  • rappresaglie
  • repressione
  • occupazione tedesca
  • violenza nazista
  • litorale adriatico
  • guerra ai civili
Data inizio appello
2007-12-20
Disponibilità
completa
Riassunto analitico
Il lavoro di tesi si inserisce in un più ampio progetto di ricerca dedicato all’analisi della violenza contro le popolazioni civili nel corso della seconda guerra mondiale.
Attraverso la ricostruzione della politica di occupazione e della “politica di repressione” delle forze tedesche si è riusciti ad analizzare la “guerra ai civili” che si attivò nelle province orientali d’Italia tra il 1943-1945. Dal lavoro di ricerca l’area del confine orientale risulta tra le più colpite dalle rappresaglie e dalle stragi fin dai primi giorni del Settembre 1943. La distribuzione degli episodi indica in generale una coincidenza degli stessi atti di violenza con le aree nelle quali più forte era la pressione del movimento parmigiano. In questo territorio il forte sentimento antitaliano di vendetta dimostrato anche nel resto d’Italia venne accresciuto dall’odio verso il Bolscevico, di cui mote unità partigiane erano all’avanguardia, e l’odio verso lo Slavo. Sono stati censiti e descritti 107 episodi di violenza –con 2069 vittime- ed è stata individuata una periodizzazione di tale violenza divisa in cinque fasi.
File