Sistema ETD

banca dati delle tesi e dissertazioni accademiche elettroniche

 

Tesi etd-04122011-220935

Condividi questa tesi: 
 
 

Tipo di tesi
Tesi di laurea specialistica
Autore
DESSI', ALESSIA
URN
etd-04122011-220935
Titolo
Sviluppo e integrazione su microcontrollore di un algoritmo per l'individuazione delle apnee notturne in un sistema di monitoraggio della contrattilita' cardiaca
Struttura
INGEGNERIA
Corso di studi
INGEGNERIA BIOMEDICA
Commissione
relatore Prof. Luigi Landini
relatore Ing. Vincenzo Gemignani
Parole chiave
  • OSAs
  • apnee morfeiche
  • PCA
  • decubito
  • frequenza respiratoria
  • indice apnee
  • monitoraggio respirazione
  • dispositivo portatile
  • accelerometro triassiale
Data inizio appello
2011-05-03
Disponibilità
parziale
Data di rilascio
2051-05-03
Riassunto analitico
La sindrome dell’apnea notturna deriva dal ripetuto verificarsi di interruzioni del flusso aereo durante il sonno e comporta numerosi disturbi. Attualmente il gold standard per la diagnosi di apnea è rappresentato dalla polisonnografia, un esame complesso che richiede la degenza del paziente presso un centro specializzato. A causa di queste problematiche questa sindrome rimane una patologia poco diagnosticata.
All'interno di un progetto dell'IFC-CNR di Pisa per lo sviluppo di un dispositivo per l'analisi della contrattilità cardiaca, abbiamo evidenziato la possibilità di monitorare la respirazione notturna tramite un accelerometro triassiale posizionato a livello del processo xifoideo, dove i movimenti respiratori risultano più ampi per la presenza del diaframma. Abbiamo trattato le tre componenti di accelerazione rilevate con una tecnica di riduzione dei dati che si ispira alla PCA. Sul segnale risultante abbiamo quindi applicato una detection per l’individuazione delle fasi della respirazione e delle pause respiratorie di durata superiore ai 10 secondi, evidenziando la posizione del paziente durante l’apnea.
Abbiamo validato il codice per il porting sul microcontrollore TIMSP430F249. Sono stati inoltre quantificati i cicli di clock e l’occupazione di memoria chip necessaria, ottenendo risultati soddisfacenti.
File