Sistema ETD

Archivio digitale delle tesi discusse presso l'Università di Pisa

 

Tesi etd-02262017-184401


Tipo di tesi
Tesi di laurea magistrale
Autore
ABBINANTE, NICOLA
URN
etd-02262017-184401
Titolo
Evoluzione storico-giuridica della situazione della donna in Spagna
Struttura
SCIENZE POLITICHE
Corso di studi
SCIENZE DELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI
Commissione
relatore Prof.ssa Aglietti, Marcella
Parole chiave
  • spagna
  • donne
  • politiche pubbliche di genere
  • discriminazione
Data inizio appello
27/03/2017;
Consultabilità
completa
Riassunto analitico
Nel primo capitolo è stata descritta la situazione delle donne spagnole da un punto di vista storico e giuridico. A tal fine sono state prese in esame le fasi più significative della storia della Spagna contemporanea, utili a mattere in luce i profondi cambiamenti che hanno segnato la condizione femminile: dalla dittatura di Primo de Rivera avviata nel 1923, l’avvento della II Repubblica, la dolorosa parentesi della guerra civile, il lungo oscuro periodo della dittatura di Francisco Franco e, infine, l’avvento dello Stato di diritto con la Transición e il compiuto avvento della democrazia. Negli ultimi quarant’anni, il paese ha saputo mettere in pratica una progressiva e significativa liberazione del soggetto femminile, affermandone i diritti politici, sociali e sessuali in precedenza negati. Con l’entrata in vigore della Costituzione nel 1978 si è sancito il principio di uguaglianza tra i sessi e si è condannata ogni forma di discriminazione. Per favorire questo processo, il nuovo Stato democratico costituì nel 1983 un organismo, l’Instituto de la Mujer, descritto nel capitolo secondo, incaricato di promuovere concretamente politiche di genere e di riformare una identità comune all’insegna dell’uguaglianza tra uomo e donna.
Nel terzo capitolo è stato dato spazio all’analisi degli strumenti utilizzati dall’Instituto per sostenere tale trasformazione con azioni positive di forte impatto: i Planes para la Igualdad de oportunidades entre mujeres y hombres, promulgati a partire dal 1988. Con la emanazione della legge organica 3/2007 fu inoltre predisposto da parte dell’organo la realizzazione di Planes estrategicos in continuità con i precedenti piani.
Ad oggi pur riconoscendo le numerose conquiste, sussistono ancora molte discriminazioni in ambito lavorativo, familiare, educativo, ma la Spagna si è posta con determinazione l’obiettivo di risolverle in un prossimo futuro, dotandosi di un ordinamento normativo tale da renderlo uno dei Paesi d’Europa più avanzati in materia di politiche di genere.
Note
La tesi in oggetto non è stata inserita correttamente nel data base dall’autore. L’autore stesso ed i relatori sono stati avvertiti di tale omissione.
File