Sistema ETD

banca dati delle tesi e dissertazioni accademiche elettroniche

 

Tesi etd-02252008-141725

Condividi questa tesi: 
 
 

Tipo di tesi
Tesi di dottorato di ricerca
Autore
CURZIO, MARTINA
URN
etd-02252008-141725
Titolo
La gestione del sistema idrico del fiume Giordano negli anni '50 e gli Stati Uniti
Settore scientifico disciplinare
SPS/06 - STORIA DELLE RELAZIONI INTERNAZIONALI
Corso di studi
STORIA, ISTITUZIONI E RELAZIONI INTERNAZIONALI DEI PAESI EXTRAEUROPEI
Commissione
Relatore Prof. Antonio Donno
Parole chiave
  • Israele
  • Giordano
  • acqua
  • geopolitica
  • zona Medio-Oriente
Data inizio appello
2008-03-14
Disponibilità
parziale
Data di rilascio
2048-03-14
Riassunto analitico
L’acqua nella regione medio orientale ed in particolare nell’area attraversata dal fiume Giordano, ha da sempre rappresentato una questione di primaria importanza, non solo vitale per le popolazioni, ma anche tecnica e politica per i governi.
Gli anni cinquanta, periodo sul quale si incentrano le nostre ricerche nel settore, sono il momento in cui strategie e tattiche della Guerra Fredda hanno trovato ampio sviluppo e la gestione delle risorse idriche del fiume Giordano, si è inserita nelle più ampie questioni di politica internazionale. Attraverso un’iniziativa diplomatica, “la missione Johnston”, dal nome del mediatore americano nominato da Eisenohower per trovare un accordo regionale proprio sulle acque, gli Stati Uniti tentarono di consolidare la loro presenza in un area ritenuta a rischio di influenza sovietica.
La tematica oggetto dello studio è affrontata alternando l’analisi dei rapporti regionali fra i paesi attraversati dal fiume Giordano (Libano, Siria, Giordania ed Israele), a questioni internazionali.Gli interessi che hanno guidato le scelte in un campo che potremmo definire “idro-politico”, risposero prima a strategie della Gran Bretagna, potenza mandataria in Palestina e successivamente degli Stati Uniti.
Considerando la centralità della “missione Johnston”, iniziata nell’ottobre del 1953 e terminata, non lontana dal successo, alla fine del 1955, nella testo si analizza la situazione anteriore e posteriore ai negoziati articolando la tesi in cinque capitoli: i primi due trattano le origini della questione idrica in Palestina-Israele, il terzo l’inizio della politica statunitese in Medio Oriente durante le amministrazioni Truman e Eisenhower, il quarto gli sviluppi dei dialoghi arabo-israeliani, mediati da Johnston nel tentativo di concordare uno sviluppo per la gestione regionale delle acque del Giordano, e il quinto le conseguenze del fallimento della missione, fino alla guerra del 1967.
File