Sistema ETD

banca dati delle tesi e dissertazioni accademiche elettroniche

 

Tesi etd-02102010-150741


Tipo di tesi
Tesi di laurea specialistica
Autore
ADAMUCCIO, PAOLA
URN
etd-02102010-150741
Titolo
PDK/Akt pathway: un potenziale target per lo sviluppo di piu efficaci terapie antitumorali.
Struttura
FARMACIA
Corso di studi
FARMACIA
Commissione
relatore Prof. Balsamo, Aldo
relatore Dott.ssa Rapposelli, Simona
Parole chiave
  • PDK
  • PI3K
  • glioma
  • Akt
  • terapie antitumorali
Data inizio appello
10/03/2010;
Disponibilità
completa
Riassunto analitico
Il processo di cancerogenesi è un evento complesso e multifasico in cui sono coinvolte diverse vie di segnalazione connesse tra di loro, le quali regolano la sopravvivenza e crescita cellulare.
In particolare la via PI3K/Akt è coinvolta nella regolazione di numerose funzioni cellulari quali la progressione del ciclo cellulare, ma anche la migrazione, l’invasione tumorale e l’angiogenesi.
L’inibizione dell’attività di Akt stimola invece l’apoptosi in differenti tipi cellulari.
Negli ultimi anni la ricerca di molecole capaci di interagire con bersagli farmacologici presenti in questo complesso sistema di trasduzione del segnale ha portato allo sviluppo di inibitori che hanno come target le chinasi PI3K, PDK1 e Akt. Su questa base, nella mia tesi di laurea sono stati presi in considerazione Akt e PDK1 come bersagli per lo sviluppo di nuovi e più efficaci agenti chemioterapici o come tali o in associazione a chemio- e radioterapie già esistenti.
Prendendo come modelli di riferimento la struttura del composto BX-517 (inibitore di PDK1), che possiede un nucleo indolonico, e quella del composto A-443654 (inibitore di Akt), che presenta una sequenza di nuclei etero-aromatici, sono stati sintetizzati nuovi derivati indolonici in cui il sostituente in posizione 3 dell’indolone è costituito da un anello eteroaromatico (tiofene, imidazolo, metil-imidazolo) e in posizione 5 sono presenti differenti gruppi arilalchilamminici variamente funzionalizzati in modo da incrementare l’affinità per Akt ma anche la solubilità e quindi la biodisponibilità.
File