Sistema ETD

banca dati delle tesi e dissertazioni accademiche elettroniche

 

Tesi etd-01222017-210800


Tipo di tesi
Tesi di laurea magistrale LM5
Autore
AGNELLI, CHIARA
URN
etd-01222017-210800
Titolo
LEGAME TRA MEMORIA TERRITORIO E CAMBIAMENTO Linee guida per una nuova SITOCO; progetto di riqualificazione, recupero e definizione del cantiere di bonifica, degli ex magazzini del semilavorato
Struttura
INGEGNERIA DELL'ENERGIA, DEI SISTEMI, DEL TERRITORIO E DELLE COSTRUZIONI
Corso di studi
INGEGNERIA EDILE-ARCHITETTURA
Commissione
relatore Prof.ssa Beconcini, Maria Luisa
relatore Arch. Calvani, Caterina
relatore Ing. Briganti, Alessandro
Parole chiave
  • riqualificazione
  • recupero
  • bonifica
  • SITOCO
Data inizio appello
16/02/2017;
Disponibilità
parziale
Riassunto analitico
La ex SITOCO, fabbrica di concimi dismessa e situata ad Orbetello nel grossetano, è un caso ancora irrisolto di forte criticità sia urbana che ambientale: sono passati venticinque anni dalla definitiva chiusura, ma ancora oggi il sito è fortemente contaminato e non è stata definita una nuova destinazione d’uso o un programma di intervento concreto.
Pertanto, per quanto la zona oggetto di studio sia degradata e di forte impatto, presenta tutte le caratteristiche e le qualità per produrre benefici sociali, culturali ed economici: la preesistente dotazione di opere di urbanizzazione, la collocazione adiacente allo scalo ferroviario di Orbetello e all’uscita della via Aurelia, così come la vocazione fortemente turistica dell’Argentario, sono motivi di spinta verso un processo di riconversione e recupero.
Per definire la rifunzionalizzazione dell’area risultano indispensabili diversi passaggi:
• conoscere la storia e comprendere l’importanza che ha avuto la fabbrica per il territorio;
• analizzare il rilievo per prendere atto delle forti criticità presenti;
• studiare le possibili nuove funzioni con l’aiuto della pubblica amministrazione e con il coinvolgimento dei cittadini.
Da questi studi è emerso un progetto che detta le linee guida per la riqualificazione di tutta l’area e il recupero del fabbricato dei magazzini del semilavorato, che diviene il simbolo della memoria storica.
L’edificio di studio, fulcro del progetto, viene analizzato nelle sue criticità strutturali tramite un ulteriore rilievo del degrado e vengono dettati gli interventi più importanti al fine del suo recupero.
Non si è potuto ignorare la forte presenza di Eternit nel lotto, per cui risulta necessario definire un adeguato cantiere di bonifica, rispettando le leggi vigenti per questa categoria di intervento.
File