ETD system

Electronic theses and dissertations repository

 

Tesi etd-12302014-150324


Thesis type
Tesi di laurea specialistica LC5
Author
SANNINO, CARMEN
URN
etd-12302014-150324
Title
CLOROFENOLI: Messa a punto e validazione di un nuovo metodo analitico
Struttura
FARMACIA
Corso di studi
CHIMICA E TECNOLOGIA FARMACEUTICHE
Commissione
relatore Dott.ssa Filippi, Valeria
relatore Dott.ssa Nencetti, Susanna
relatore Dott. Mazzetti, Michele
Parole chiave
  • clorofenoli
Data inizio appello
21/01/2015;
Consultabilità
parziale
Data di rilascio
21/01/2018
Riassunto analitico
Questo lavoro di tesi è stato svolto presso il dipartimento di Livorno dell’Agenzia Regionale per la Protezione dell’Ambiente della Toscana (ARPAT).<br>Tale lavoro è strutturato in due parti: la prima, dove viene riportata una breve descrizione delle principali tecniche estrattive e dei contaminanti emergenti con i loro effetti sull’ambiente; la seconda di attività sperimentale, nella quale vengono messi a confronto due metodi di derivatizzazione su SPE (estrazione in fase solida).<br>Lo scopo di questa tesi infatti è quello di valutare l’efficienza di un nuovo metodo quali/quantitativo su matrici acquose ambientali, contaminate artificialmente con quantità note di clorofenoli, che utilizza l’estrazione in fase solida (SPE) nella fase di estrazione e preconcentrazione del campione prima della determinazione analitica in GC-MS e l’applicazione del medesimo all’analisi di campioni potenzialmente soggetti ad inquinamento da composti fenolici. <br>L’impiego della SPE ha l’obiettivo di ridurre drasticamente i tempi di analisi ed aumentare i livelli di riproducibilità ed accuratezza.<br>Questo nuovo metodo sfrutta come tecnica di analisi la derivatizzazione, per trasformare i suddetti composti in derivati più volatili e termicamente stabili, abbinata alla successiva analisi gas cromatografica GC/MS.<br>A differenza dei metodi presenti in letteratura, che prevedono l’uso di organosiliani per trasformare i fenoli a silieteri, oppure alogenuri alchilici (ioduro di metile o di etile, bromuro di perfluorobenzile, etc..) che trasformano i fenoli in eteri; tale metodo sfrutta una doppia derivatizzazione: derivatizzazione con pentafluoropiridina con un successivo stadio di derivatizzazione su colonna utilizzando una soluzione esanica di BSTFA e TCMS.<br>
File