ETD system

Electronic theses and dissertations repository

 

Tesi etd-12092009-120414


Thesis type
Tesi di dottorato di ricerca
Author
BELLUCCI, CLAUDIA
URN
etd-12092009-120414
Title
Organizzazione strutturale delle attività mentali elaborate in sonno REM
Settore scientifico disciplinare
M-PSI/01
Corso di studi
ESPLORAZIONE MOLECOLARE, METABOLICA E FUNZIONALE DEL SISTEMA NERVOSO E DEGLI ORGANI DI SENSO
Commissione
tutor Prof. Guazzelli, Mario
tutor Prof. Cipolli, Carlo
Parole chiave
  • story-like organization
  • spontaneous and prompted recall
  • ricordo spontaneo e stimolato
  • sonno REM
  • REM sleep
  • narcolepsy with cataplexy
  • narcolessia con cataplessia
  • dream recall. organizzazione story-like
  • dream experience
  • attività mentali del sonno
Data inizio appello
16/12/2009;
Consultabilità
completa
Riassunto analitico
Una valida strategia per misurare le relazioni tra le variazioni di specifici indicatori fisiologici e di processi cognitivi coinvolti nell’elaborazione di attività mentali durante il sonno (AMS) è quella di confrontare i resoconti verbali di AMS di pazienti con specifici disturbi del sonno con quelli di soggetti normodormitori. A tal fine il sonno REM dei pazienti con narcolessia-cataplessia riveste notevole interesse, in quanto compare anche dopo breve latenza dall’addormentamento (SOREM) e presenta caratteristiche fisiologiche di durata e densità di movimenti oculari omogenee nei vari cicli di sonno, a differenza del sonno REM dei normodormitori. Per accertare se la maggior omogeneità delle caratteristiche fisiologiche del sonno REM dei pazienti narcolettici sia associata a una maggiore omogeneità di funzionamento dei processi cognitivi, sono stati condotti due esperimenti, nei quali sono stati raccolti resoconti di AMS dopo due risvegli in sonno REM del I e III ciclo. I resoconti di AMS sono stati analizzati con una story grammar, individuando sia le unità di contenuto che le loro relazioni strutturali e misurando il grado di complessità sequenziale e gerarchica degli eventi descritti nei resoconti. Il primo esperimento ha mostrato che i resoconti di AMS dopo risvegli in sonno REM del I ciclo sono di lunghezza e complessità strutturale nettamente superiori nei narcolettici rispetto ai normodormitori. Il secondo esperimento ha dimostrato che la maggiore lunghezza e complessità delle AMS elaborate nel I ciclo di sonno REM dei narcolettici dipende da una maggiore efficienza dei processi cognitivi durante il sonno e non da una maggiore accuratezza dei processi di memoria dopo il risveglio. L’anticipato funzionamento ottimale dei processi cognitivi all’inizio del sonno nei narcolettici apre la possibilità di individuare più specifiche e dirette relazioni fra indicatori fisiologici del sonno REM e caratteristiche strutturali delle AMS.
File