ETD system

Electronic theses and dissertations repository

 

Tesi etd-11252019-153133


Thesis type
Tesi di laurea specialistica LC5
Author
INTERRANTE, PAOLO
URN
etd-11252019-153133
Title
Indagine molecolare sulla diffusione di Chlamydia spp. negli uccelli selvatici
Struttura
SCIENZE VETERINARIE
Corso di studi
MEDICINA VETERINARIA
Supervisors
relatore Dott.ssa Ebani, Valentina Virginia
correlatore Dott. Bertelloni, Fabrizio
controrelatore Prof. Cerri, Domenico
Parole chiave
  • Chlamydia spp.
  • uccelli selvatici
  • zoonosi
  • Chlamydia spp.
  • wild birds
  • zoonosis
Data inizio appello
13/12/2019;
Consultabilità
Secretata d'ufficio
Data di rilascio
13/12/2089
Riassunto analitico
La clamidiosi aviare è una malattia zoonotica che colpisce molte specie di uccelli domestici e selvatici. Durante questi anni e attraverso i numerosi studi effettuati sulle specie di questa famiglia batterica, è stato suggerito che varie specie di uccelli selvatici svolgano un ruolo im-portante come serbatoi per la clamidia, in particolare per Chlamydia psittaci. L’obiettivo del presente lavoro è stato quello di indagare, attraverso metodiche molecolari, la diffusione di Chlamydia spp. tra uccelli selvatici appartenenti a diversi ordini e famiglie. Per effettuare questa indagine ci siamo avvalsi dell’ausilio della metodica PCR, previa estrazione di DNA da campioni di tessuto splenico prelevati da 301 uccelli selvatici: 36 (11.9%) di questi sono ri-sultati positivi. Le prevalenze registrate per gli ordini risultati positivi sono state: Columbifor-mi (55.5%), Pelecaniformi (50%)), Accipitriformi (25%), Falconiformi (25%), Anseriformi (15.7%), Caraidriiformi (6.2%) e Passeriformi (4.2%). Per 4 campioni, prelevati da piccioni (Columba livia), il sequenziamento ha identificato C. psittaci; i rimanenti campioni sono tut-tora in corso di tipizzazione. In conclusione, molte specie di uccelli appartenenti a differenti ordini costituenti l’avifauna selvatica sembrano coinvolti nell’epidemiologia della clamidiosi, in quanto serbatoi di Chlamydia spp.

Chlamydiosis is a zoonotic disease that affects many species of domestic and wild birds. The numerous studies carried out on the genus Chlamydia, suggested that several species of wild birds play an important role as reservoirs for chlamydie, mainly for Chlamydia psittaci. The aim of the present work was to investigate, through molecular methods, the spreading of Chlamydia spp. among wild birds belonging to different orders and families. DNA was ex-tracted from spleen specimens collected from 301 wild birds: PCR for genus Chlamydia was performed; 36 (11.9%) samples were positive. The prevalences recorded for positive orders were: Columbiformes (55.5%), Pelecaniformes (50%), Accipitriformes (25%), Falconiformes (25%), Anseriformes (15.7%), Caraidriiformes (6.2%) and Passeriformes (4.2%). Sequencing analysis identified C. psittaci in 4 samples, all collected from pigeons (Columba livia). Ob-tained results showed that several species of birds belonging to different orders may be in-volved in the epidemiology of chlamydiosis, as reservoirs of Chlamydia spp.
File