ETD system

Electronic theses and dissertations repository

 

Tesi etd-11102004-164946


Thesis type
Tesi di laurea vecchio ordinamento
Author
Consoloni, Ilaria
email address
dwtcia@tin.it
URN
etd-11102004-164946
Title
RILEVAMENTO GEOLOGICO E ANALISI DI FACIES DEI DEPOSITI PLEISTOCENICI DELLA ZONA COMPRESA TRA IL FIUME CECINA E CASALE MARITTIMO (TOSCANA, PISA)
Struttura
SCIENZE MATEMATICHE, FISICHE E NATURALI
Corso di studi
SCIENZE GEOLOGICHE
Commissione
relatore Dott. Cerrina Feroni, Andrea
relatore Dott. Sarti, Giovanni
Parole chiave
  • analisi di facies
  • Pleistocene
  • Bassa Val di Cecina
Data inizio appello
26/11/2004;
Consultabilità
parziale
Data di rilascio
26/11/2044
Riassunto analitico
L’obiettivo di questa tesi è stato il rilevamento e l’analisi di facies dei depositi che affiorano nella zona della bassa Val di Cecina, al confine tra le province di Pisa e di Livorno, allo scopo di ricostruire l’ambiente di sedimentazione e quindi l’evoluzione paleogeografica dell’area suddetta.<br>L’area studiata è compresa all’interno della Sezione n°294080 (Guardistallo) in scala 1:10.000 della Carta Tecnica Regionale della Regione Toscana, di cui è stato effettuato un rilevamento, e comprende i comuni di Montescudaio, Guardistallo e Casale Marittimo.<br>Il rilevamento si è svolto nell’ambito del progetto C.A.R.G. di cartografia geologica della Regione Toscana.<br>I sedimenti affioranti in quest’area sono compresi tra il Giurassico medio-superiore (complesso del Dominio Ligure) e l’Olocene.<br>I depositi considerati in questa tesi sono quelli compresi tra il Pleistocene inferiore e medio.<br>Nella prima parte viene fornito un inquadramento geologico dell’area studiata dal punto di vista strutturale e stratigrafico ed un’analisi delle precedenti conoscenze sulla stratigrafia e la tettonica della zona.<br>Successivamente sono state descritte le unità litostratigrafiche del Pleistocene inferiore e medio, individuate nel rilevamento, dal punto di vista sedimentologico e micropaleontologico, che ha permesso di individuare, attraverso l’analisi di facies, i diversi ambienti deposizionali susseguitisi nelle unità individuate durante il rilevamento. <br>E’ stata inoltre effettuata un’analisi composizionale sui conglomerati affioranti nella zona, che ha permesso una trattazione statistica dei dati ed un confronto fra le varie formazioni.<br>Infine è stata proposta una discussione incentrata sulle ipotesi di ricostruzione paleogeografica dedotta dall’analisi di dettaglio delle successioni stratigrafiche e sulle possibili correlazioni con i depositi coevi del margine a nord del fiume Cecina.<br>Dall’analisi dei dati è emersa una nuova suddivisione delle unità litostratigrafiche ed una maggiore definizione degli ambienti deposizionali rispetto ai precedenti lavori.<br>Le analisi sui conglomerati evidenziano delle forti novità per quanto concerne l’area di alimentazione di alcune formazioni pleistoceniche, in quanto si notano dei cambiamenti nella composizione che indicano variazioni di alimentazione.<br>
File