ETD system

Electronic theses and dissertations repository

 

Tesi etd-11032012-195754


Thesis type
Tesi di laurea specialistica
Author
ELIA, NOEMI
URN
etd-11032012-195754
Title
Il ruolo del laboratorio di microbiologia clinica nella prevenzione e controllo delle colonizzazioni/infezioni da KPC-producing Klebsiella pneumoniae
Struttura
MEDICINA E CHIRURGIA
Corso di studi
SCIENZE DELLE PROFESSIONI SANITARIE TECNICHE DIAGNOSTICHE
Commissione
relatore Dott.ssa Casini, Beatrice
Parole chiave
  • controllo
  • prevenzione
  • KPC
  • colonizzazione
Data inizio appello
29/11/2012;
Consultabilità
completa
Riassunto analitico
Le ICPA sono un insieme piuttosto eterogeneo di condizioni diverse sotto il profilo microbiologico, fisiologico,epidemiologico. In Europa si stima che ogni anno si verifichino circa 4 milioni di casi di infezione contratta in ambiente ospedaliero (tasso di prevalenza 5-10%).<br>Nei reparti di chirurgia o in quelli di terapia intensiva la percentuale delle sepsi può salire fino all’11-12%.Il 20-30% delle infezioni nosocomiali sono prevenibili con l’adozione di corretti comportamenti professionali e di specifici programmi di intervento, con conseguente abbassamento dei costi e miglioramento del servizio sanitario. Tra i requisiti più importanti di un programma di controllo delle infezioni acquisite nelle organizzazioni sanitarie vi è la capacità di identificazione tempestiva e corretta gestione degli eventi epidemici. In questo studio è stata dimostrata la presenza e la diffusione di K. pneumoniae resistente ai carbapenemi in un ospedale di alta specializzazione, l’Azienda Ospedaliero-Universitaria Pisana, nello specifico nell’U.O Anestesia, rianimazione e pronto soccorso. Al fine di migliorare i tempi di refertazione, potrebbe essere importante l’introduzione della metodica MALDI- TOF per l’identificazione di Klebsiella pneumoniae KPC. Questa, applicata a campioni monomicrobici, può notevolmente ridurre i tempi di refertazione sia per l’identificazione di specie che per la determinazione della sensibilità ai carbapenemi. In conclusione, la riduzione dei tempi di refertazione è utile per la messa in atto di tutti i sistemi di controllo della diffusione dell’infezione in tempi rapidi.<br><br><br>
File