ETD

Digital archive of theses discussed at the University of Pisa

 

Thesis etd-10262021-181236


Thesis type
Tesi di specializzazione (5 anni)
Author
BORDONARO, MANUEL
URN
etd-10262021-181236
Thesis title
La donazione di fegato da donatore vivente a scopo trapianto pediatrico: strategia per la selezione del donatore e della tecnica chirurgica, e risultati
Department
PATOLOGIA CHIRURGICA, MEDICA, MOLECOLARE E DELL'AREA CRITICA
Course of study
CHIRURGIA GENERALE
Supervisors
relatore Prof. De Simone, Paolo
correlatore Prof. De Ville De Goyet, Jean
Keywords
  • Trapianto pediatrico da donatore vivente
Graduation session start date
16/11/2021
Availability
Withheld
Release date
16/11/2091
Summary
Nell’ambito del trapianto di fegato pediatrico da donatore vivente il graft LLS è quello più comunemente utilizzato e, grazie alla tecnica chirurgica ben standardizzata, i risultati ottenuti sono eccellenti; il graft di emifegato sinistro rappresenta una valida opzione per assicurare un adeguato GRWR nei bambini di grandi dimensioni. Nei Paesi dove l’attività di donazione avviene principalmente da donatore deceduto (ad esempio l’Italia), il trapianto di fegato da donatore vivente (LDLT) viene utilizzato insieme al trapianto split da donatore deceduto per eliminare la mortalità in lista d’attesa dei riceventi pediatrici e per eseguire il trapianto su riceventi che sono svantaggiati nel sistema di allocazione dell’organo basato su criteri d’urgenza. In quest’ottica, l’ottimizzazione del timing del trapianto rende possibile raggiungere una sopravvivenza del graft e del paziente prossima al 100% dopo il LDLT come nel nostro centro. Il nostro studio ha dimostrato che, in virtù del fatto che non vi sono state complicanze chirurgiche nei donatori, l’intervento di lobectomia sinistra o epatectomia sinistra a scopo donazione è un intervento sicuro in centri ad alto volume e di grande esperienza e che per raggiungere tale obiettivo è fondamentale, oltre all’esperienza chirurgica, un’accurata e meticolosa pianificazione pre-operatoria per minimizzare i rischi del donatore, per garantire la sicurezza del donatore e per ottenere i risultati eccellenti ottenuti nel ricevente.
File